photo
le parti noiose tagliate
footer

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)
sisnero
sisbianco
sisbianco

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Mr Cobbler e la bottega magica

19/07/2016 11:00

Riccardo Tanco

Recensione Film,

Mr Cobbler e la bottega magica

Max Simkin (Adam Sandler) è un calzolaio che lavora presso la bottega di famiglia a New York...

36401-.jpeg

Max Simkin (Adam Sandler) è un calzolaio che lavora presso la bottega di famiglia a New York. Deluso dalla vita e solitario, la vita dell'uomo cambia improvvisamente quando, durante una riparazione, si imbatte in una vecchia cucitrice ereditata dal padre. Indossando un paio di scarpe di un cliente, lavorate tramite la cucitrice, Max scopre di poter trasformarsi in quella persona.


Presentato in anteprima al Toronto Film Festival nel 2014, Mr.Cobbler e la bottega magica, solito titolo fantasioso della distribuzione nostrana per l'originale The Cobbler, è il quarto film del regista de Il caso Spotlight Thomas McCarthy, in uscita nei cinema italiani con due anni di ritardo. Dopo i trascorsi da dramedy indie di inizio carriera, come l'interessante opera d'esordio The Station Agent, il riuscito L'ospite inatteso e il meno convincente Mosse vincenti, McCarthy realizza una commedia drammatica innescando la trovata da fantasy, con l'obiettivo di dare imprevedibilità a un canovaccio narrativo altrimenti troppo scontato. Sospeso tra un modo di porsi divertito e uno ben più malinconico, purtroppo The Cobbler appare come un'opera quasi totalmente fuori fase nelle sue componenti che, per tutta la durata, stridono tra loro.


McCarthy è incerto sulla via da prendere: e il film assimila in malo modo tutte le possibili anime. Dalla commedia favolistica al dramma, fino ad arrivare a un poco sensato cambio di registro da black comedy totalmente non nelle corde del film. Ed è questa confusione incontrollata di toni e modalità di racconto che non aiutano The Cobbler, poco supportato anche da un Adam Sandler protagonista assoluto che non fa molto per raddrizzare le sorti del film. Tra svolte narrative che simboleggiano una scrittura approssimativa, è anche difficile capire cosa il film miri a raccontare, bloccato tra l'ennesima parabola di redenzione e una banale ricostruzione familiare ed esistenziale. Tutto, o quasi, affossato in un film che fa a gara con se stesso per sbagliare il più possibile.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

cinemadvisor

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio