photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Paradise Beach - Dentro l'incubo

03/08/2016 11:00

Riccardo Tanco

Recensione Film,

Paradise Beach - Dentro l'incubo

Dopo essere stata attaccata da uno squalo, la giovane surfista Nancy (Blake Lively) viene ferita alla gamba rimanendo bloccata su uno scoglio vicino alla riva..

36501-.jpeg

Dopo essere stata attaccata da uno squalo, la giovane surfista Nancy (Blake Lively) viene ferita alla gamba rimanendo bloccata su uno scoglio vicino alla riva. Con lo squalo nei dintorni, la ragazza dovrà trovare il modo di salvarsi prima che sia troppo tardi.


Uscito a giugno negli USA, Paradise Beach – Dentro l'incubo (in originale The Shallows) è il nuovo film del regista spagnolo Jaume Collet-Serra dopo il precedente Run All Night – Una notte per sopravvivere del 2015. Nel cast Blake Lively è la protagonista unica di questo thriller diretto dal regista di Orphan.


Arrivato al settimo film di una carriera iniziata nel 2005 con l'interessante La maschera di cera e proseguita, tra più bassi che alti, ma comunque rispettosa di certi meccanismi di genere senza la volontà del marchio d'autore, Serra realizza con Paradise Beach – Dentro l'incubo un survival movie che trova una propria riuscita in un approccio alla materia cinematografica talmente elementare da risultare convincente.


Se le ingenuità comunque abbondano e la scrittura minima di personaggi e situazioni sembra un pretesto in cui il film sguazza volentieri, Serra usa con discreta capacità l'archetipo del protagonista da solo coinvolto in una situazione disperata (in questo è aiutato da Blake Lively in una prova più che convincente) che pare non rifarsi troppo a riferimenti troppo ovvi alla Buried o a 127 ore, ma trova nella semplicità di alcune idee di messa in scena una propria dimensione. E se le ambizioni volano basso e la sceneggiatura scritta da Anthony Jaswinski si tiene a galla con certa fatica, questo racconto di sopravvivenza di un'eroina femminile - ennesima riproposizione dell'eterna lotta tra uomo e natura - riesce a tenere la tensione, e soprattutto gestisce con capacità le apparizioni del temibile squalo in una sorta di rielaborazione tra il monster movie e le creature dell'horror, senza scomodare paragoni impropri o cercare inutili confronti che il film ha l'intelligenza di evitare.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio