photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Le ultime cose

29/09/2016 10:00

Eleonora Piazza

Recensione Film,

Le ultime cose

Esce nelle sale Le ultime cose, cornice dorata che illumina, con sguardo sommesso ma puntuale, un quadro i cui personaggi sono abitualmente relegati nell’ombra.

37141-.jpeg

Esce nelle sale Le ultime cose, cornice dorata che illumina, con sguardo sommesso ma puntuale, un quadro i cui personaggi sono abitualmente relegati nell’ombra. Il primo lungometraggio di finzione di Irene Dionisio, giovane regista e sceneggiatrice, autrice di Sponde, la cui sceneggiatura ha vinto il premio Solinas come Miglior Documentario per il cinema nel 2012.


Le ultime cose nasce proprio dall’esigenza documentaristica della regista di mostrare i luoghi e gli apparati istituzionali dove la crisi - economica quanto interiore – germoglia. Adottando una prospettiva più che innovativa, la paura non è qui inflitta da un leviatano intangibile che troneggia sulla gente, ma da un faccia a faccia diretto tra vittime e carnefici. Nel film, il luogo fisico in cui questo nudo confronto avviene è il Banco dei pegni di Torino, sotto lo sguardo incredulo del giovanissimo apprendista Stefano (Fabrizio Falco) che per la prima volta entra in contatto con i clienti e con la precarietà delle loro vite. Il suo punto di vista è anche il nostro, che - nel corso degli ottantacinque minuti di film - prendiamo coscienza di una realtà che si fa sempre meno aleatoria. Il ragazzo assiste impotente agli amari retroscena del banco, gestiti dall’enigmatico Sergio - un fantastico Roberto De Francesco - che annichilisce gli avventori che si recano lì per abbandonare ciò che hanno di più caro, nella speranza un giorno di riprenderselo. Tra le varie storie che si avvicendano sullo schermo, la regia, attenta e materna, sceglie di seguirne in particolare due: quella di Sandra (Christina Rosamilia), giovane trans in fuga dal suo passato e rifiutata dalla sua famiglia, e quella di Michele (Alfonso Santagata) pensionato travolto dalle spese di famiglia. Personaggi molto intensi che, diversissimi tra loro, permettono di far cogliere al pubblico, senza filtri buonisti, quanto ampio e variegato sia il panorama dei debitori, nel momento in cui il debito non è più solo economico ma si trasforma in senso d’inadeguatezza. Il vetro del banco si fa dunque metafora, costante in tutto il film, della distanza che intercorre tra l’alto e il basso, tra il dentro e fuori, tra il potere e il non-potere; è il racconto corale ed estremamente visivo di un microcosmo incomprensibile, in cui, quasi come in un girone dantesco, esseri umani si aggirano disarmati in un vortice di sacrifici, non ultimo quello della propria dignità.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio