photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Sasha e il Polo Nord

11/05/2017 11:00

Maurizio Encari

Recensione Film,

Sasha e il Polo Nord

Sasha e il Polo Nord, il viaggio di un'eroina fuori dal comune

42171-.jpeg

Sasha è una ragazza quindicenne dalle nobili origini, che vive con la sua famiglia a San Pietroburgo. Ossessionata dalla mancata impresa del nonno, esploratore andato disperso durante una spedizione al Polo Nord, la giovane rifiuta il matrimonio combinato deciso dai genitori e decide di mettersi in viaggio per scoprire quanto accaduto all'uomo. Si imbatte, però, in un microcosmo prettamente maschile che non vede di buon occhio la sua presenza.


È uno stile d'animazione classica che affascina quello di Sasha e il Polo Nord, dove le ambientazioni e l'assenza di contorni nel tratteggio di personaggi sono capaci di ricreare una straniante dimensionalità delle immagini. Questa produzione franco/danese vede come assoluta protagonista un'eroina atipica che, prima di conquistare la sua personale vittoria, scende dalle stelle alle stalle in un processo inverso a quello cui ci hanno abituato le fiabe classiche. La ragazza abbandona infatti gli agi familiari per imbarcarsi in un percorso irto di insidie e scomodità: dovrà anche servire come cameriera di un malfamato bar, prima di ottenere un passaggio verso la sua agognata destinazione.


Una giovane donna moderna in un racconto memore di Jack London che sfida le insidie e l'imprinting maschilista per ritrovare l'amato nonno e portare nuova gloria alla famiglia, caduta nella "lista nera" della nobiltà russa proprio in seguito al rifiuto della ragazza di sposare un proprio pari. A dispetto della giovane età, la donzella si dimostra determinata e tenace al punto giusto; capace di tener testa ai suoi rudi compagni di viaggio. Nella seconda metà di visione, con l'arrivo nelle lande ghiacciate, Sasha diventa elemento fondamentale ai fini della sopravvivenza della ciurma. Il regista esordiente Rémi Chayé, già animatore di film quali The Secret of Kells (2009) e La tela animata (2011), stabilizza le coordinate emotive su un sano gusto dell'avventura, evitando forzate dinamiche interpersonali tra i personaggi e mettendo in scena con uno stile raffinato e accattivante l'epos di un'ossessione in grado di sfidare le forze della natura. Questo consente un corretto e originale percorso di formazione, che evita toni da commedia in favore di un accattivante scavo introspettivo, messo in scena su avvolgenti toni pittorici.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio