photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

San Pietro e le Basiliche Papali di Roma 3D

18/09/2017 11:00

Alessia Bertolino

Recensione Film,

San Pietro e le Basiliche Papali di Roma 3D

Sul grande schermo alcune delle più stupefacenti meraviglie romane

43731-.jpeg

Dopo Firenze e gli Uffizi 3D/4K, in occasione del Giubileo del 2016 indetto da Papa Francesco, Luca Viotto porta sul grande schermo alcune delle più stupefacenti meraviglie romane nel docufilm San Pietro e le Basiliche Papali di Roma 3D, un viaggio inedito ed esclusivo volto a ripercorrere la storia e la bellezza delle maestose architetture di cui la città eterna diviene sede e teatro.


Il film è ordinatamente suddiviso in quattro sezioni rispettivamente incentrate sulla Basilica di San Pietro, San Giovanni in Laterano, Santa Maria Maggiore e San Paolo Fuori le Mura. Monumenti a dir poco miracolosi, forgiati e costruiti con l’ingegno e la fatica di artisti geniali. La storia e le caratteristiche artistiche dei quattro edifici sono espresse dagli appassionati commenti di altrettanti studiosi: Antonio Paolucci (direttore dei Musei Vaticani), l’architetto Paolo Portoghesi, lo storico dell’arte Claudio Strinati e infine la direttrice della collezione d’arte contemporanea dei Musei Vaticani Micol Forti. Non mancano i nomi di grandi papi committenti affiancati da quelli dei più grandi fra architetti e artisti come Gian Lorenzo Bernini, autore del cosiddetto “abbraccio” del colonnato di San Pietro, Michelangelo, che a soli 24 anni scolpì una Pietà commovente e progettò la Cupola della Basilica, Donato Bramante, che progettò la nuova basilica di San Pietro, e ancora Francesco Borromini, Domenico Fontana.La descrizione delle opere è poi incorniciata dalle parole di Stendhal: i brani di Passeggiate Romane, edito nell’Ottocento all’epoca dei Grand Tour, costellano e arricchiscono la suggestività dei luoghi visitati.


Se l’intento divulgativo-culturale è ben espresso, meno chiara risulta l’intenzione di voler suscitare meraviglia nel pubblico in sala. Certo, le immagini risultano limpide e plastiche grazie all’efficacia del mezzo 3D, ma rispetto ai precedenti acclamati docufilm Viotto presta maggiore attenzione all’esattezza storico-artistica delle opere più che alle potenziali acrobazie registiche da mettere in atto. Quella di San Pietro e le Basiliche Papali di Roma 3D è infatti una regia pacata, dedita in primis alla lezione scolastica e alla precisione dell’immagine plastica tridimensionale, soltanto poi alla ricercatezza dei movimenti di macchina.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio