photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Nove lune e mezza

11/10/2017 11:00

Samantha Ruboni

Recensione Film,

Nove lune e mezza

Una divertente commedia che porta sullo schermo il delicato tema della madre surrogata

44681-.jpeg

Livia (Claudia Gerini), donna forte e indipendente, fa la violoncellista: non ha figli e convive con Fabio (Giorgio Pasotti). La sua vita è molto diversa da quella della sorella Tina (Michela Andreozzi), che ha preferito dire di no alla laurea per il posto fisso e una vita in comune con il compagno Gianni (Lillo Petrolo). Tina vorrebbe avere un figlio, ma non ci riesce. Così al ginecologo delle due, Nicola (Stefano Fresi) viene un'idea, “scambiarsi” i corpi: Livia sarà la madre surrogata di Tina.


Commedia attuale e dinamica, Nove lune e mezza mette su uno stesso piano tutte le problematiche e criticità che troviamo in Italia riguardo al tema della maternità. C'è chi non ha figli, come la nostra Livia, che è il ritratto della donna indipendente, rock e intraprendente. Tina, invece, è esattamente l'opposto: incastrata in un lavoro che non le piace, e con una relazione noiosa e senza pepe, desidera da sempre un figlio per poter completare il suo quadretto familiare. Eppure Tina non riesce a rimanere incinta. Così Livia decide di aiutare la sorella con l'aiuto di un ginecologo, Nicola: gay, sposato, padre di un bambino e di una bambina. Un quadretto familiare tenero e simpatico, che in Italia è quasi impossibile vista la burocrazia e le leggi che rendono complesso il ricorso a madri surrogate così come le adozioni e il matrimonio tra persone dello stesso sesso. Uno spaccato di questa Italia in cerca di evoluzione, ma anche di personaggi come il fratello di Livia e Tina, un neocatecumenale, devotissimo, con una famiglia numerosissima, rinnegato dal padre comunista. Insomma Nove lune e mezza rende conto di un bel mix di sfaccettature, in un microcosmo che ci fa ridere ma anche pensare. Michela Andreozzi dirige con questa sua opera prima una commedia fresca e attuale: risate e situazioni surreali portano sullo schermo temi molto delicati, soprattutto in Italia. A partire dal tema della madre surrogata, e dalla sua illegalità in Italia, prendono in via una serie di scambi d'identità e situazioni comiche. Ma anche un complicato ritratto del nostro paese.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio