photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Il sole a mezzanotte

22/03/2018 11:00

Samantha Ruboni

Recensione Film,

Il sole a mezzanotte

Una Cenerentola moderna che non convince

47491-.jpeg

Katie passa la vita tra le pareti di casa sua, a causa di una rarissima malattia, l'XP, lo Xeroderma Pigmentosum: la sua pelle, infatti, non può toccare nessun tipo di raggio solare e Katie vede il mondo attraverso speciali finestre. E da queste finestre vedrà passare davanti casa sua, ogni giorno, Charlie, del quale invisibilmente si innamorerà: nella notte del diploma i due si incontrano e scatterà la scintilla.


Riadattamento della pellicola giapponese Song to Song, e parte del recente filone teen iniziato con Colpa delle stelle, Il sole a mezzanotte racconta la storia di Katie: un'adolescente costretta da una rara malattia a nascondersi dalla luce del sole. Quando conosce Charlie, se ne innamora e per la prima volta nella vita dimentica le accortezze necessarie per proteggersi. Così, in una notte romantica, perde la cognizione del tempo e viene investita dalle luci dell'alba. La sua situazione si aggrava: riuscirà Katie a esaudire il suo desiderio più grande, passare una giornata sotto al sole?


Il sole a mezzanotte utilizza, come Colpa delle stelle, il tema della malattia come spunto per una storia d'amore intensa e appassionata. La patologia di Katie, che purtroppo esiste anche nel mondo reale, è in effetti unico espediente interessante del film. Non che la banalità manchi a questa pellicola, anzi, ma l'unicità di Katie distingue Il sole a mezzanotte dalle altre migliaia di pellicole dedicate all'amore adolescenziale. Il regista ha cercato di creare una sorta di favola contemporanea, Cenerentola mixata a Raperonzolo, ma non basta a vivacizzare una trama scontata e un finale del tutto prevedibile (spoilerato persino dal poster cinematografico). Scott Speer riadatta, in maniera mediocre, una pellicola giapponese ma manca del tutto il bersaglio. Le interpretazioni dei due protagonisti non attirano l'attenzione, sebbene la presenza del figlio di Arnold Schwarzenegger possa in parte servire ad attirare il pubblico. Il sole a mezzanotte può piacere a un pubblico molto giovane, purchè sia pronto ad assistere a una storia già vista.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio