photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Figlia mia

21/02/2018 12:00

Riccardo Tanco

Recensione Film,

Figlia mia

Il film di Laura Bispuri presentato a Berlino, con Valeria Golino e Albra Rohrwacher

47581-.jpeg

Vittoria (Sara Casu) è una bambina di dieci anni che vive con la madre adottiva Tina (Valeria Golino), che si prende cura di lei da quando è nata. In accordo con la madre biologica, la complicata Angelica (Alba Rohrwacher), Tina ha deciso di nascondere la verità alla bambina. Quando però Vittoria, ignara del legame tra due donne, inizia a frequentare Angelica, tra loro inizia un rapporto complice e speciale. Vittoria si troverà allora contesa tra l'amore di due madri e sarà costretta a scoprire la verità sulle sue origini.


Presentato in anteprima mondiale in concorso al 68° Festival Internazionale di Berlino, unico film italiano in gara, Figlia mia è il secondo film della regista Laura Bispuri, a due anni dal precedente Vergine Giurata. Nel cast l'attrice Alba Rohrwacher (alla seconda collaborazione con la Bispuri proprio dopo Vergine Giurata), Valeria Golino e la giovanissima esordiente Sara Casu, nel ruolo di Vittoria.


Sceneggiato dalla stessa regista assieme a Francesca Manieri, con Figlia mia Laura Bispuri sceglie di raccontare un dramma familiare al femminile dove il nucleo narrativo è composto dalle vicende di tre donne legate tra loro. La regista opta per l'uso della macchina da presa a mano: segue i propri personaggi con uno stile vicino all'approccio documentaristico e tramite una messa in scena scarna e ruvida. Meno delicato rispetto a Vergine Giurata, ma più concreto e materico, il film rischia forse di trovarsi in bilico tra la ricerca di un qualcosa di più sussurrato e una visione semplice e netta del mondo che la Bispuri intende mettere in scena. Il risultato è, a momento, l'inseguimento di certi stilemi autoriali di molto cinema italiano contemporaneo.


Figlia mia è il racconto di tensioni familiari, ma anche un racconto di formazione che avvolge la giovane protagonista di Sara Casu, vero e proprio fulcro della storia. Un film che espone, con coerenza, una storia sul bisogno d'amore e affetto reciproco; sul desiderio di maternità, sulla necessità di fare parte di qualcosa. Peccato che l'autrice non abbia scelto di osare di più: Figlia mia rimane un'opera prigioniera di uno sguardo irrisolto e di un finale forse corretto ma un po' troppo scontato.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio