photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

L'ultimo viaggio

06/02/2018 12:00

Marcello Perucca

Recensione Film,

L'ultimo viaggio

Il viaggio di un nonno e di sua nipote attraverso le guerre del passato e quelle del presente

48091-.jpeg

Due guerre - il secondo conflitto mondiale e la recente guerra civile in Ucraina - fanno da contorno alla storia narrata ne L’ultimo viaggio, opera del regista tedesco Nick Baker Monteys. Un vecchio muore, e ne vediamo il corpo trasportato sul sedile posteriore di una macchina: si tratta di Eduard Leander (Jürgen Prochnow) che, nel successivo flashback lungo il quale si snoderà quasi tutto il film, osserviamo seduto accanto alla moglie spirata all’improvviso. Eduard è un berlinese di 92 anni, scorbutico e anaffettivo; alla scomparsa della moglie - e contro la volontà della figlia Uli (Suzanny Von Borsody) e della nipote Adele (Petra Schmidt-Schaller) - decide di partire senza motivo apparente per l’Ucraina, terra nella quale si cela una parte importante del suo passato, di cui nessuno, tranne lui, è a conoscenza. Adele, che non prova particolare affetto per il nonno, si ritroverà suo malgrado ad accompagnarlo nel viaggio verso Kiev, una città squassata dalla violenza di una guerra civile. Il viaggio, nonostante la reciproca malsopportazione, permetterà e Eduard e Adele di avvicinarsi l’uno all’altra e al vecchio di poter fare finalmente i conti con il proprio passato. Un passato che verremo lentamente a scoprire, particolarmente scomodo e ingombrante.


L’ultimo viaggio si avvale di una impegnativa sceneggiatura – scritta a quattro mani dallo stesso regista e da Alexandra Umminger - che permette allo spettatore se non di amare questo vecchio colpevole, quanto meno di perdonarlo per le gravi colpe che per tutta la vita lo hanno tormentato e che gli faranno dire nel finale: «Ci ho provato a chiudere a chiave i ricordi della guerra, ma ho continuato a pensarci… ogni singolo giorno della mia vita». Accompagnato dalla fotografia di Eeva Fleig, che svela un paese malinconico e povero, lacerato in due da una guerra folle, quello di Nick Baker Monteys è un film che ha il merito di mostrarci i personaggi per ciò che realmente sono, con i loro lati positivi e negativi, senza però ricamarci troppo su. E che permette di capire quanto sia importante conoscere e fare i conti con il proprio passato, per quanto orrendo questo possa essere. Operazione necessaria per poter affrontare la vita senza reiterare gli stessi errori. Perché, come dice Adele a Eduard: «Nonno, sto solo cercando di conoscerti. Voglio solo sapere perché siamo... chi siamo!».



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio