photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

The Confirmation

06/05/2018 11:00

Emanuela Di Matteo

Recensione Film,

The Confirmation

La formazione morale di un bambino e quella di un padre

48871-.jpeg

The Confirmation è stato paragonato a Ladri di Biciclette, col quale in realtà ha solo in comune il pretesto: il furto di un oggetto di lavoro prezioso per una famiglia in difficoltà economiche. Da qui nasce una storia che, nel caso del capolavoro neorealista, è denuncia sociale, nel caso del film di Bob Nelson, diventa una commedia agrodolce americana.


Un padre divorziato, carpentiere alla ricerca di un lavoro e con problemi di alcolismo, deve trascorrere un fine settimana col figlio di otto anni, mentre ex moglie (Maria Bello) e nuovo fidanzato si recano a un corso prematrimoniale fuori città. La semplicità del racconto è impreziosita dall’ottima sceneggiatura, anch’essa opera del regista. Il bambino protagonista, Anthony (Jaeden Lieberher), la cui madre e patrigno hanno trovato una risposta nella fervente adesione alla religione cattolica, nelle prime inquadrature del film, non ha nessun peccato da confessare a un prete. Ma solo un paio di giorni insieme allo stropicciato papà (Clive Owen), e alle sue poche certezze, basteranno per infrangere quasi tutti i comandamenti. Il sofferente e umanissimo genitore, ce la mette tutta per essere un padre decente, ma le sventure sono dietro l’angolo. Circondato da amici e nemici improbabili e patetici (uno fra tutti: Patton Oswalt), coinvolto suo malgrado in situazioni grottesche e sfortunate, l’uomo scoprirà nel bambino, inizialmente sconosciuto, un compagno, un alleato e finalmente, un figlio.


Questa commedia della classe operaia, profondamente americana nello spirito e nelle ambientazioni, dopo un avvio in sordina, ci conduce lungo il sentiero dei sentimenti, con indulgenza e rispetto, attingendo anche alle esperienze autobiografiche del regista. Debutto più che convincente alla regia di Bob Nelson, che porta già con sè il bagaglio di scrittore e sceneggiatore da nomination all’Oscar, The Confirmation, minimalista, coinvolgente e divertente nonostante il contesto tutt’altro che spensierato, è la formazione morale di un bambino e quella di un padre, che con le sue imperfezioni, riesce ad insegnare al figlio che ci sono molte sfumature nelle scelte morali della vita.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio