photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Un nemico che ti vuole bene

03/10/2018 11:00

Andrea Desideri

Recensione Film,

Un nemico che ti vuole bene

Diego Abatantuono è il protagonista di una black comedy diretta da Denis Rabaglia

50601-.jpeg

La black comedy diretta da Denis Rabaglia s’impernia sulla figura di Enzo Stefanelli, stimato professore che si ritrova, per una serie di coincidenze, a prestare soccorso a un giovane ferito da un’arma da fuoco. Il ragazzo, killer di professione, chiede a Enzo di potersi sdebitare proponendosi per uccidere ogni suo nemico. Stefanelli, sbigottito, declina l’offerta sottolineando di non avere nemici in quanto ha sempre condotto una vita esemplare. Ma il giovane, incaponito, si mette a cercarne uno stravolgendo l’esistenza dell’uomo. L’incontro-scontro fra due opposti, finiti per attrarsi, rivelerà il lato oscuro di molte personalità insospettabili. Diego Abatantuono veste i panni di un accademico catapultato in un vortice ad alto rischio per aver fatto del bene alla persona sbagliata. Il confine fra Bene e Male è al centro di Un nemico che ti vuole bene, un film dedicato all’oscurità che alberga in ognuno di noi, quel lato del nostro carattere che teniamo nascosto. Denis Rabaglia mette insieme un rappresentante dell’alta società e un malavitoso fino a farli convergere l’uno con l’altro: perché persino i più irreprensibili nascondono degli scheletri nell’armadio. Un nemico che ti vuole bene parla delle nefandezze che possiamo compiere in nome della stabilità economica e sociale.


Questo gioco delle parti viene amplificato all’ennesima potenza, grazie ai due protagonisti: il personaggio di Diego Abatantuono, dai modi pacati e sferzanti, e quello esuberante e coinvolgente di Antonio Folletto. Se il primo è un veterano del cinema italiano, l’altro costituisce una novità interessante. Questo gioco degli opposti prosegue in un eterno passo a due che compone la vicenda, abbastanza intricata, fatta di equivoci e capovolgimenti. Peccato che il risultato finale sia piuttosto scialbo e spezzettato: abbiamo una parte iniziale molto curata e dettagliata, dove a sceneggiatura scava nella quotidianità dei protagonisti per ricostruirne punti di forza e debolezze; a questo segue, però, il mancato approfondimento e uno sviluppo sterile con situazioni che si perdono nel nulla. Si giunge, quindi, a un finale forzato per far combaciare i meccanismi più impensabili. Peccato davvero, per un progetto che partiva con l’auspicio di imporre qualcosa di nuovo.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio