photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Styx

13/11/2018 11:00

Andrea Desideri

Recensione Film,

Styx

Il mare torna protagonista di un thriller da brivido

50841-.jpeg

Il mare torna protagonista di un thriller ambientato fra Colonia e Gibilterra. Rike è un medico quarantenne con la passione per la vela, una vita passata a fare il suo dovere inseguendo i propri sogni nel cassetto. La sua vacanza dei sogni, salpare in solitaria verso l’Oceano Atlantico, viene interrotta bruscamente quando, nel bel mezzo di una tempesta, si trova al cospetto di un peschereccio che sta affondando: prova a chiamare soccorso radio con scarsi risultati, ormai è sola nel mare e dovrà tentare il tutto per tutto cercando di salvare la situazione. In ballo c’è la vita di un centinaio di persone.


Wolfgang Fischer, nel suo ultimo lavoro, richiama la mitologia per trattare un problema reale: l’abbandono in mare. Lo fa ripescando il fiume degli Inferi, lo Stige: titolo indicativo, Styx suona come una sentenza; specie considerando che nel film viene trattato il tema della responsabilità collettiva e individuale verso colui che è disperso in mare.


Film molto fisico, con i dialoghi ridotti all’essenziale, Styx racconta le insidie del mare, il contesto che si genera attorno alle vite umane e la prontezza di chi queste vite dovrebbe riuscire a salvarle. Un film sul senso di responsabilità che, a volte, negli addetti ai lavori muta in senso di colpa: soprattutto se si trovano da soli e, il più delle volte, impotenti di fronte a qualcosa più grande. Fischer ci pone al cospetto di un perenne dilemma morale che viene snocciolato in diverse forme. Rike, essendo medico d’emergenza, conosce le regole: ciò che conta, in casi estremi, è proteggere la propria vita. Nonostante questa certezza, i rimorsi possono far più male di qualsiasi ferità. L’intero progetto cinematografico fa leva su questa convinzione e la esaspera in una vicenda nemmeno troppo paradossale, con l’intento di farci comprendere forzatamente che ad ogni nostra azione corrisponde una reazione determinata. Anche girare la testa dall’altra parte, in un momento di pericolo, potrebbe essere una decisione incontrovertibile con cui dovremmo saper convivere.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio