photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Cosa fai a Capodanno?

14/11/2018 11:00

Andrea Desideri

Recensione Film,

Cosa fai a Capodanno?

Il Capodanno di Filippo Bologna

51651-.jpeg

La domanda più scomoda, che già in questo periodo dell'anno ci tormenta, diventa un film, grazie alla fantasia di Filippo Bologna, una delle firme di Perfetti Sconosciuti. Il 31 dicembre è in arrivo una tempesta solare ma un furgone di catering tenta il tutto per tutto pur di arrivare in uno chalet di montagna, in cui Mirko e Iole hanno organizzato un Capodanno differente: passeranno la notte di San Silvestro con persone mai conosciute e all’insegna delle più torbide trasgressioni. Un servizio a domicilio accenderà i riflettori su questa torbida comitiva unita dal gusto del proibito.


Filippo Bologna, forgiato dall’esperienza con Paolo Genovese, ha deciso di mettersi in proprio e dar vita a una commedia stravagante dalle tinte oscure che arriva subito prima del periodo natalizio (Bologna firma anche l’imminente film di Leonardo Pieraccioni Se son rose, in qualità di co-sceneggiatore) ma non se la sente di scimmiottare i cinepanettoni. Quindi, prende la comicità di fine anno e la stravolge, sia per canoni che per collocazione.


Cosa fai a Capodanno? mette insieme degli estranei in un casale, per passare un giorno di festa facendo i botti in modo non convenzionale: al posto dei classici petardi, il sesso di gruppo. Un modo per abbattere qualunque tabù. Infatti, l’insieme di persone è costituito da personalità variegate ed eterogenee: la donna attempata con il ragazzo giovane, la coppia in cerca di metodi per ravvivare la fiamma della passione, il politico con la compagna. Si va a comporre, quindi, un ricco scacchiere con pedine che, inter scambiandosi, dovrebbero dare adito agli equivoci più disparati.


Allora il cast è assortito e sfavillante: Luca Argentero, Ilenia Pastorelli, Alessandro Haber, Isabella Ferrari, Vittoria Puccini, Valentina Lodovini, Riccardo Scamarcio. Un’assortita comitiva di persone sembrerebbe esser l’ideale per fornire una diversità di emozioni e sussulti, specialmente quando si va sul piccante. Questa commedia si fregia di essere black, ma si attesta, se vogliamo, più sul grigio spento: vuole cavalcare il populismo dei tempi moderni con la vis cinica e corroborante degli interpreti. Il risultato, però, è poco stimolante.


Solitamente le commedie nere prendono spunto dalla cronaca attuale per farne un umorismo penetrante: in quest’opera manca quell’aggressività sana, e in parte propedeutica, che permetterebbe al progetto di decollare. Non si può pretendere di fare umorismo nero infarcendo qualche luogo comune, o dalla provocazione si passa alla scontatezza. Si prova a tirare in ballo il razzismo, le differenze di genere, i radical chic con tutte le loro controversie, ma viene fatto in modo errato e prevedibile: quasi a non volersi assumere alcuna responsabilità.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio