photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Killer Klowns from Outer Space

29/04/2010 11:00

Marco Filipazzi

Recensione Film,

Killer Klowns from Outer Space

“Non c’è nulla di più pauroso che un clown dopo mezzanotte”...

8091-.jpeg

“Non c’è nulla di più pauroso che un clown dopo mezzanotte”. Lo disse una volta Lon Chaney, uno che di paura se ne intendeva. Per decenni il cinema, i libri, i fumetti che infarciscono la nostra cultura popolare hanno attinto a piene mani da questo dogma. Senza queste maschere tragicomiche e grottesche, probabilmente noi non potremmo godere di capolavori letterari come IT di Stephen King, di ineguagliabili antieroi fumettistici come il Clown/Violator della saga di Spawn di Todd McFarlane, personaggi memorabili come Capitan Spaulding de La casa dei mille corpi o piccole perle del cinema trash come Killer klowns from outer space. Basterebbe una semplice occhiata alla locandina (una sarabanda di colori fluorescenti e il faccione grottesco di un clown in primo piano) e una rapida riflessione sul titolo (tradotto letteralmente suonerebbe come: “Pagliacci assassini dallo spazio profondo”) per capire che razza di film ci si trova tra le mani. Un horror sgangherato che fa il verso al filone delle invasioni aliene tanto in voga negli anni '50, infarcito da gag demenziali tenute insieme con la colla, mostri grotteschi e i soliti teenager, il tutto nel nome dei B-movie più duri e puri.


La storia è quanto di più squinternato si possa immaginare: un'astronave a forma di circo atterra nel bosco fuori da Crescent Cove, tipica, sonnolenta e noiosa cittadina di provincia americana. A bordo vi è una cricca di clown assassini che, rimasti senza provviste nel bel mezzo del loro viaggio intergalattico, hanno deciso di fare pit-stop sul nostro pianeta e rifornirsi di cibo, trasformando le persone in bozzoli di zucchero filato.


Nel 1987, quando la pellicola approdò nelle sale, non riscosse un grande successo, ma con l'uscita in VHS prima e in DVD poi, negli anni si è guadagnata lo status di film-culto. I Fratelli Chiodo (qui nelle vesti di produttori, registi e sceneggiatori) sciupano la buona occasione di mettere qualche brivido allo spettatore mostrando i clown in continuazione. C'è di buono che il loro look è davvero grottesco e fa rimpiangere i tempi in cui trucchi, maschere e protesi di lattice fornivano un valido sostentamento agli effetti speciali. La loro qualità, considerando la modestia del prodotto, rimane discreta per tutta la durata del film e alcune trovate, nonostante una trama che scorre piatta come una macchia d’olio, rasentano la genialità. Basti pensare al cane-palloncino, alla pistola spara pop-corn teleguidati o a tutti i modi (più o meno riusciti) in cui i clown intrappolano in bozzoli di zucchero filato gli abitanti di Crescent Cove. Un film che si lascia guardare e riesce persino a farsi godere (a patto che stiate al gioco e non abbiate grandi pretese), che scorre senza infamia e senza lodi verso il finale, con l’immancabile big-boss monster (denominato dalla crew “Klownzilla”) che tanto andava di moda nei film di quegli anni. Killer kowns from outer space è un piccolo gioiello trash che, come recita la cover del DVD, si gusta al suo meglio da soli in casa, a notte inoltrata.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio