photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Febbre da fieno

31/01/2011 12:00

Marco D'Amato

Recensione Film,

Febbre da fieno

Opera prima per la giovane regista Laura Luchetti che esordisce con Febbre da fieno (dopo una piccola parentesi in Feisbum), una commedia romantica sullo sfondo

11841-.jpeg

Opera prima per la giovane regista Laura Luchetti che esordisce con Febbre da fieno (dopo una piccola parentesi in Feisbum), una commedia romantica sullo sfondo di una Roma calda e appassionata.


Camilla (Diane Fleri), mentre sta per essere caricata in ambulanza dopo un piccolo incidente stradale, intravede Matteo (Andrea Bosca) mentre porge agli infermieri una scarpa rimasta sull’asfalto. Tramite la borsa del ragazzo, Camilla riesce a risalire al negozio dove lavora, il Twinkled, un piccolo store per nostalgici degli anni ’60 e ’70, e si fa assumere. Il Twinkled è per tutti una sorta di rifugio dai problemi della vita di tutti i giorni: Matteo è ancora innamorato della sua ex, Giovanna (Camilla Filippi), un’artista scopertasi gay; Frankie (Giulia Michelini) ha difficoltà a relazionarsi con i ragazzi e allora scrive lettere a Jude Law perché da lui accetterebbe un rifiuto; Stefano (Giuseppe Gandini), il padrone del negozio, non vuole vedere né la concreta minaccia del fallimento economico, né quella della crisi del suo matrimonio con Patrizia (Cecilia Cinardi). Nella loro vita entra Camilla, segretamente innamorata di Matteo, e dotata di una vitalità e di un’energia trascinanti che sconvolgeranno positivamente la vita all’interno del Twinkled.


Febbre da fieno è un film sulle occasioni mancate, sui sentimenti non dichiarati, sulla mancanza di comunicazione alla base dell’infelicità e il brusco (nei tempi e nei modi) colpo di scena finale suona come un monito contro i troppi silenzi che condizionano i nostri rapporti interpersonali. Suggestiva l’ambientazione, una Roma autunnale maestosa e romantica, perfettamente colta dalla fotografia di Ferran Paredes Rubio, con carrellate che sembrano trasportate dal Ponentino, il delicato vento romano che fa da collante all’intera vicenda. La confezione è decisamente fiabesca (non a caso il film è co-prodotto dalla Walt Disney Italia) e non si può non rimanere straniti davanti all’atteggiamento spesso decisamente infantile dei personaggi che inficia parecchio il risultato finale. Troppo scontata poi la scelta di fare di Gigio (Mauro Ursella), il fratello down di Camilla, la vera guida sentimentale del gruppo, un monocolus in terra caecorum; stucchevole, invece, il personaggio di Michelino, un saccente bambino di dieci anni, migliore amico del quasi trentenne Matteo. Un film romantico che sarebbe più adatto alla televisione che al cinema per tempi, dialoghi e ambientazioni, ma che risulta comunque piacevole e lontano dalla recente canonizzazione del genere tracciata in Italia dai film mocciani o aspiranti tali.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio