photo
le parti noiose tagliate
footer

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)
sisnero
sisbianco
sisbianco

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

The Shock Labyrinth: Extreme 3D

21/02/2011 12:00

Marco D'Amato

Recensione Film,

The Shock Labyrinth: Extreme 3D

Primo film in 3D per il filone thriller-horror giapponese: se ne occupa Takashi Shimizu, regista del successo intercontinentale Ju-on (The Grudge) e il risultat

12171-.jpeg

Primo film in 3D per il filone thriller-horror giapponese: se ne occupa Takashi Shimizu, regista del successo intercontinentale Ju-on (The Grudge) e il risultato, a dirla tutta, non è dei migliori, a partire da una trama che richiama decisamente troppo It di Stephen King.


Il film ruota intorno al personaggio di Yuki, una ragazza che a dieci anni dalla sua scomparsa riappare inspiegabilmente davanti ai suoi amici d’infanzia Rin (una ragazza non vedente), Motoki e Ken. Dopo aver condotto Yuki dalla sorella minore Miyu, la amica rediviva cade dalle scale e sono costretti a portarla in un ospedale che si rivelerà essere un posto con un ruolo centrale della loro infanzia e della loro vita: un’enorme casa dell’orrore in cui Yuki era scomparsa dieci anni prima.


Apprezzabile la scelta di Shimizu di limitare gli artifici classici del genere e di puntare tutto sull’atmosfera e sull’ambientazione: il quintetto infatti si muove all’interno della Cho Senritsu Meikyu, conosciuta come la casa dell’orrore più grande al mondo; situata ai piedi del Monte Fuji necessita di quasi un’ora per essere visitata tutta. Shimizu la sfrutta in lungo e in largo, usando il 3D per allungare gli spazi, rendere infiniti i corridoi e soffocanti le stanze. Il problema è che il film alla lunga stanca e non stimola nessuna scarica di adrenalina. Di “shock”, insomma, non c’è proprio traccia. Ad appesantire il tutto, una storia con tanti, troppi rimandi a It di Stephen King, l’ennesimo fantasma orientale che torna per vendicarsi e degli attori decisamente troppo anonimi. L’attenzione di Shimizu inoltre si focalizza su determinati oggetti e situazioni cardine che tendono a diventare stucchevoli (la camminata sulla scala a chiocciola, evocativa ma esasperante) e a volte ridicole (il coniglietto meccanico veicolo dell’anima di Yuki). Sicuramente non è tutto da scartare ma a Shimizu si poteva sicuramente chiedere molto di più.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

cinemadvisor

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio