photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Il Lupo in Calzoncini Corti

10/06/2011 11:00

Valerio Ferri

Recensione Film,

Il Lupo in Calzoncini Corti

Due coppie omosessuali italiane felicemente sposate; l’una alla ricerca di un’adozione surrogata che sembra non arrivare mai, l’altra che di figli ne ha già tre

13821-.jpeg

Due coppie omosessuali italiane felicemente sposate; l’una alla ricerca di un’adozione surrogata che sembra non arrivare mai, l’altra che di figli ne ha già tre. Due potenziali papà e due mamme alle prese con la crescita di bambini propri e alla ricerca di sogni quasi irraggiungibili, in una società incapace di osservarsi oltre la soglia del pregiudizio compulsivo e, ciò che è peggio, in uno stato lungi perfino dal riconoscere la loro unione. Nel breve documentario artigianale realizzato da Nadia Dalle Vedove e Lucia Stano, s’intravedono due spaccati complementari quasi inimmaginabili ai più; comuni a migliaia di altre coppie, ma simboleggianti una realtà troppo scomoda alla convenzione della normalità.


Al di là degli inevitabili dibattiti e discussioni che il tema potrebbe sollevare, la scelta delle due autrici è stata quella di mantenere un profilo basso, senza sollevare accese polemiche con la giurisdizione e i vertici italiani, se non in modo velato e intelligente. Sebbene il documentario costituisca di certo un’opera di denuncia a sostegno delle famiglie omogenitoriali, si è scelto di seguire la strada di una normale diversità, per isolare lo spettatore dai pregiudizi esterni e costruire una bolla di cristallo all’interno della quale le vite dei protagonisti scorressero scevre da conflitti sociali e facili vittimismi. Durante i cinquanta minuti circa di riprese c’è spazio per tutte le figure in qualche misura coinvolte; esclusi volutamente pensatori politicizzati e chi su queste questioni sarebbe chiamato a legiferare. Amici, genitori, dottori, madri surrogate, e naturalmente il punto di vista dei bambini fanno da vistoso contorno alle emozioni e le speranze delle due famiglie di fatto.


Il tutto è condensato in tempi piuttosto brevi, garantendo una sensazione di fruibilità come quella di fronte a un diario personale spontaneo. Anche la regia dinamica e i cambi frequenti di prospettiva non lasciano spazio a commiserazioni di sorta, tantomeno alla retorica più scontata, ripudiando così qualsiasi forma di captatio benevolentiae nei confronti del pubblico. Sorprendono e colpiscono i contenuti, che pur non sciorinando i suddetti pietismi, regalano bei momenti di vita vissuta mantenendo una fulgida naturalezza. A convincere perlopiù è però paradossalmente la forma. Oltre a non annoiare, si cerca solo di mostrare dell’altro; tutto fuorché in contrapposizione con situazioni avvertite come più ricorrenti. Spaccate possono essere senz’altro le opinioni su un argomento così delicato, ma vanno rispettate e messe in luce anche le voci di chi sfrutta il cinema come strumento sociale di visibilità, e che forse paga un prezzo davvero salato in termini di cassa di risonanza mediatica proprio per un approccio fin troppo ovattato e silenzioso. L’esempio de Il Lupo in Calzoncini Corti sbandiera senza dubbio questa ventata di tolleranza in modo lungimirante, dipingendo in maniera positiva anche il percorso di vita delle due coppie.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio