photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Desktop, il nuovo cortometraggio di Michele Pastrello

18/04/2017 11:40

Aurora Tamigio

Corti,

Una speculazione in chiave tecnologica sulla condizione umana

Estetica della tecnologica al servizio della comunicazione fra due solitudini: quella di un uomo (Stefano Negrelli) e di una donna (Viviana Leoni) lontani, diversi e, nella loro quotidianità, ogni giorno sorpresi di essere “ancora vivi”.


Giunto al suo quinto cortometraggio, Michele Pastrello dopo aver sviscerato in Ultracorpo e InHumane Resources, insieme alla propria accuratezza formale e tecnica, l’acutezza dei contenuti e l’attualità di riflessioni che toccano i temi della claustrofobia esistenziale moderna e della paura socialmente instillata - mette temporaneamente da parte la settorialità dei generi affini all’horror e alla fantascienza per dirigere una speculazione su una condizione umana condivisa e profonda. Dal proprio dono per l’osservazione del dettaglio e per la sua resa cinematograficamente nitida, Pastrello adotta in Desktop una scrittura ancora più essenziale del passato, una stesura minimale che ha però del poetico.


Strutturato attraverso l’avanzare ritmico e musicale e accompagnato dalla fotografia pulita e accecante di Mattia Gri, il regista veneto pare fondere la passata attenzione per l’indagine della patologia – qui investigata nella sua forma più subdola, la dipendenza dalla solitudine – con una (quasi inedita) cura per il racconto della sfera sentimentale. La semplice alternanza nel montaggio fra una femminile tristezza cittadina e una cupa routine montanara al maschile genera in realtà un climax di indizi in cui il rebus che intercorre fra i due personaggi si rivela solo sul finale con un “tocco” fantastico che è firma dello stile del regista. Il tono malinconico ma vigile della sceneggiatura, anche stavolta opera dello stesso Pastrello, cede un po’ del trascorso action in favore di un racconto più controverso, sicuramente ipnotico, nel quale si manifesta uno stile maturo, coraggiosamente trasformato e rifinito.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio