photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Libere Disobbedienti Innamorate - In Between: tre donne a Tel Aviv

31/03/2017 02:00

Agnese Comelli

Intervista,

La regista Maysaloun Hamoud e l'attrice Mouna Hawa in conferenza stampa a Roma per parlare di donne, libertà e (poca) politica.

Roma, Casa del Cinema. Alla conferenza stampa di Libere Disobbedienti Innamorate - In Between la regista Maysaloun Hamoud e l’attrice Mouna Hawa sono affiancate da una traduttrice arabo-italiano che restituisce ai giornalisti il sunto delle risposte. Il film è la storia di tre donne arabe a Tel Aviv e le curiosità della stampa sono molte, tra confronti culturali e piccoli dibattiti politici. Anche se sulla politica Maysaloun Hamoud preferisce sorvolare: «Concentriamoci sul film, per favore». E ha ragione. Libere Disobbedienti Innamorate - In Between è una storia densa, non solo dal punto di vista psicologico dei personaggi, ma anche di tutti i risvolti culturali e sociali che pone in causa, legati a un mondo di cui sentiamo parlare prevalentemente tramite giornali e telegiornali, senza possederne – troppo spesso - una giusta cognizione di causa. Libere Disobbedienti Innamorate - In Between è il genere di film che può aiutare a capire. Oltre che dell’universo femminile, l'opera di Maysaloun Hamoud parla di una realtà che la stessa regista conosce bene: l’underground di Tel Aviv, la città che abita. La scrittura, iniziata ben cinque anni fa, è stata qualcosa di istintivo: presa “di pancia” e restituita senza dare troppo spazio alla fantasia, rimanendo fedele a tutto ciò che ben conosceva.


Un film di questo genere, come osserva ancora la regista, parla della vita per com’è, per come continua in quei territori dove conflitti e politica catalizzano gran parte della produzione culturale e cinematografica e dello stereotipo che all’estero ci si fa. In effetti il tema politico non è affrontato, se non, indirettamente, per (poche) immagini che ritraggono macerie e vie semidistrutte, lasciando intravedere una situazione precaria e povera. Anche se un giornalista definisce “borghesi” le protagoniste: un’avvocatessa, una dj lesbica e una studentessa di informatica legata alla tradizione. Ma, paradossalmente, questa fascia sociale ha meno visibilità rispetto a quella colpita più sensibilmente dall’instabilità politica. Libere Disobbedienti Innamorate - In Between non è un film ricattatorio e, se mostra delle “vittime”, lo fa per renderle attive e partecipi, passo dopo passo: proprio come Maysaloun Hamoud auspica per le proprie connazionali a cui demanda la speranza di cambiamento. «La solitudine: è questo il prezzo che una donna è costretta a pagare se sceglie la libertà?» A questa domanda scomoda, ma necessaria, la regista non si sottrae. Per lei la solitudine è una fase necessaria nella vita di ogni donna che vuole “sentire” e “trovare” se stessa, non soltanto nel suo contesto culturale, ma universalmente parlando. Non è detto che sia per sempre, ma resta un passaggio temporaneo, quasi obbligatorio e, in ogni caso, consigliato.


Libere Disobbedienti Innamorate - In Between, proprio per la cultura in cui nasce e che rappresenta, ha vissuto un esordio controverso: la produzione ha ricevuto minacce da parte di gruppi di fondamentalisti islamici; minacce che, fortunatamente, non hanno trovato esiti concreti. A loro è prevalso un dibattito femminista positivo e un grande affetto di pubblico, soprattutto da parte delle donne e degli omosessuali, che, in modo inedito, sono stati rappresentati dal cinema nazionale sentendosi, finalmente, riconosciuti. Mouna Hawa, criniera leonina e sguardo intenso, proprio come il suo personaggio nel film (un'avvocatessa emancipata) ricorda le centinaia di lettere di sostegno rivolte a lei e alle sue due colleghe Sana Jammelieh e Shaden Kanboura: i giovani sono mostrati entusiasti e, soprattutto, vicini al modello femminile proposto. «Ti prego, dimmi che la tua vita è come sei nel film!» rivela di essersi sentita chiedere l'attrice.


Il film di Maysaloun Hamoud non può essere incasellato in nessun genere specifico: tocca il dramma, la commedia e anche il documentario. Si percepisce la vita reale delle tre attrici, così com'è e come si sono conosciute anche al di là delle riprese. Basti pensare che hanno abitato realmente, durante la realizzazione, nello stesso appartamento. La realtà emerge e si proietta nella finzione, e viceversa. L’improvvisazione e i tocchi personali delle interpreti, oltre al copione, sono state per Maysaloun Hamoud un’aggiunta preziosa. «Avete presente la scena della doccia, dopo lo strupro?» aggiunge Mouna Hawa « Eravamo tutte e tre ma si ha come l’impressione di essere un corpo solo. Così è stato». E forse è vero, come è stato notato da qualche giornalista, che bisognerebbe ringraziare film come questi, perché sono fonte di testimonianza oltre alle vaghe impressioni di cui troppo spesso siamo nutriti.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Come creare un sito web con Flazio