photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Cosa sarà (2020), la recensione: Kim Rossi Stuart torna nell'ambizioso film di Francesco Bruni

26/10/2020 10:29

Cristiano Salmaso

Recensione Film, Festival, Festa del Cinema di Roma, Film Italia, Kim Rossi Stuart, Francesco Bruni,

Cosa sarà (2020), la recensione: Kim Rossi Stuart torna nell'ambizioso film di Francesco Bruni

Cosa sarà è di Francesco Bruni l'opera più ambiziosa e fatalmente la più stonata

Sulle note di Perfect day, uno dei brani più abusati nel cinema e non solo, si apre questo quarto lavoro che Francesco Bruni firma dietro la macchina da presa: Cosa sarà, ci si chiede già un po' a disagio mentre la voce di Lou Reed passa su Kim Rossi Stuart che viene rasato a zero: una canzone americana (non l'unica) che suona subito fuori posto in un film italiano.

00-cosa-sara-fabiobacci-1603707690.jpg

Bruno Salvati (assonanze non casuali) è un regista quarantasettenne poco conosciuto che sta per iniziare la chemioterapia dopo una diagnosi di leucemia. 

Il film ricostruisce la sua storia prima e dopo la malattia, allargando un po' alla volta il campo d'azione del protagonista fino ad abbracciarne tutta la vita: una madre scomparsa troppo presto, un padre che in pratica non c'è mai stato, una sorellastra che potrebbe cambiargli la vita; al suo fianco una ex moglie che forse ama ancora e due figli adolescenti, che ama sicuramente moltissimo.

 

Francesco Bruni, sceneggiatore di molte pellicole di tutto rispetto, dirige nuovamente un film incentrato sui rapporti tra padri e figli (o più in generale sui confronti generazionali) come aveva fatto nelle sue pellicole precedenti.

 

Abbandonata però la commedia innocua e romanesca di Scialla e anche di Noi 4 e Tutto quello che vuoi, prova il film drammatico: il tema della malattia prende inevitabilmente il sopravvento, senza però rinunciare al proprio carattere scherzoso e al bisogno di sdrammatizzare con una battuta. Ed è lo stesso protagonista che dichiara di fare film che fanno ridere, o che almeno ci provano: riferimento a se stesso che torna anche nel non prendersi troppo sul serio, come quando un malato muore prima del dibattito sul film improvvisato in ospedale o quando il produttore rivela a Bruno perché non lo vuole nessuno. Boutade sul solito cinema che sono uno dei segnali della voglia di Bruni di uscirne, di liberarsi del suo ormai conclamato provincialismo. Ma rischia di fare il passo più lungo della gamba e di perdersi, proprio come Bruno bambino che sbaglia piano e lascia cadere la bottiglia di latte in una casa che non è la sua. 

schermata2020-10-26alle11-1603707649.png

Cosa sarà è un'opera che ha i suoi momenti buoni ma anche troppe note: i seppiati ricordi d'infanzia con la madre scomparsa, i continui salti temporali e ancora di più quelli di registro, con la battuta che stempera il dramma ma gli toglie quella credibilità che stava conquistando a fatica. Come la prova d'attore di Kim Rossi Stuart, senza dubbio difficile e anche interpretata meglio di quanto avrebbero fatto altri, ma lo sforzo di riuscire c'è e si vede. Bene i personaggi dei figli (molto brava Fotinì Peluso), male quelli del padre e della dottoressa, a metà strada quello della sorella: l'avventura a Livorno è gioco forza un po' il cinema di Paolo Virzì (Bruni spesso con lui alla sceneggiatura) ma anche quello di Silvio Soldini, con personaggi dolenti e stralunati sui cui drammi soffia un'aria serena, da fiaba comica.

 

Cosa sarà è di Francesco Bruni l'opera più ambiziosa e fatalmente la più stonata: tra note prese bene e qualche stecca di troppo, resta soprattutto un senso di vuoto, di imperfetto, di incompiuto. Eppure è proprio questo che, almeno in parte, risolve paradossalmente a suo favore. Ed è ancora una canzone, stavolta intonatissima con il film, che nella scena finale lo rimette in piedi.


schermata2020-10-26alle10-1603707418.png

Genere: commedia, drammatico

Titolo originale: Cosa sarà

Paese/Anno: Italia,2020

Regia: Francesco Bruni

Sceneggiatura: Francesco Bruni

Fotografia: Carlo Rinaldi

Montaggio: Alessandro Heffler

Interpreti: Barbara Ronchi, Elettra Dallimore Mallaby, Fotinì Peluso, Giuseppe Pambieri, Kim Rossi Stuart, Lorenza Indovina, Nicola Nocella, Ninni Bruschetta, Raffaella Lebboroni, Stefano Rossi Giordani, Tancredi Galli

Colonna sonora: Mattia Carratello, Stefano Ratchev

Produzione: Palomar, Vision Distribution

Distribuzione: Vision Distribution

Durata: 101'

 


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Come creare un sito web con Flazio