facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Sisnero

SilenzioinSala.com
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

MuciaraFestival-Bannerstretto

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTERTER

Bridgerton (2020), la recensione della Stagione 1: non solo romanticismo nella serie Netflix di Shonda

13/01/2021 14:37

Aurora Tamigio

Recensione Serie TV, Netflix Original, Serie Tv USA, Serie Tv Storico, Serie Tv Romantico, Shonda Rhimes, Chris Van Dusen, Shondaland, Golda Rosheuvel, Nicola Coughlan, Phoebe Dynevor, Regé-Jean Page,

Bridgerton (2020), la recensione della Stagione 1: non solo romanticismo nella serie Netflix di Shonda

Bridgerton è la prima collaborazione tra Netflix e Shondaland: di che cosa parla il costume drama prodotto da Shonda Rhimes

 

 

 

Bridgerton è la prima collaborazione tra Netflix e Shondaland: di che cosa parla il costume drama prodotto da Shonda Rhimes

 

 

Il 25 dicembre 2020 è arrivato su Netflix Bridgerton: la prima collaborazione tra il colosso dello streaming e Shondaland, casa di produzione fondata e diretta da Shonda Rhimes. La serie è creata da Chris Van Dusen, collaboratore fidato di Shonda dagli inizi di Grey’s Anatomy, e basata sui romanzi di Julia Quinn.

Se, leggendo le recensioni, avete sentito dire che Bridgerton è «Elisa di Rivombrosa con più soldi», non vi fate scoraggiare. Questa serie tv si aggiunge alla lunga fila di successi prodotti da Shondaland: anche Bridgerton è un confort tv show (dopo il medical e il legal, è la volta del period drama: il dramma storico in costume) che si serve di un genere popolare per parlare a un pubblico vasto e composito, offrendo spunti di riflessione talvolta inaspettatamente politici.

bridgertontv-1610473863.jpg

Di che cosa parla Bridgerton

Il Duca e io (titolo italiano) è il primo dei romanzi di Julia Quinn da cui è tratta la serie prodotta da Shondaland. Al centro della vicenda ci sono due famiglie dell'aristocrazia britannica della Regency-Era (1811-1820), i Bridgerton e i Featherington, i cui componenti sono legati da amicizie e rivalità. La protagonista, Daphne Bridgerton (Phoebe Dynevor), è la debuttante più popolare dell’alta società londinese; in quanto tale, ha come scopo/dovere/privilegio quello di aggiudicarsi il miglior matrimonio possibile. Nel perseguire questo obiettivo, troverà un inaspettato alleato nel duca di Hastings (Regé-Jean Page): bello, cinico e contrario al matrimonio.

Il resto della trama è esattamente come ve la immaginate. L’intreccio di Bridgerton è quello classico del romance in costume, un po’ Orgoglio e pregiudizio e un po’ Downton Abbey. Ma se la storyline romantica è piuttosto prevedibile e scontata, non si può dire lo stesso dell’ambientazione.

L’ambientazione di Bridgerton

Apparentemente, la serie si svolge nel periodo della Reggenza Inglese. In realtà Bridgerton ci introduce – gradualmente, senza bisogno di spiegoni – in un immaginario inizio Ottocento dove i nobili di Sua Maestà non sono tutti bianchi, ma appartengono a diverse etnie: nella fantasia di autori e autrici, infatti, la Regina Carlotta (interpretata da una mattatrice del teatro britannico, l'attrice anglo-guyanese Golda Rosheuvel) ha sposato Re Giorgio, dando vita a un’aristocrazia composita e inclusiva.

Dare credibilità storica a una realtà alternativa è qualcosa che hanno già fatto in molti: in casa Netflix, ci è riuscito benissimo Ryan Murphy con Hollywood: Bridgerton, con modalità simili e una cura altrettanto maniacale per costumi e scenografie, applica questo espediente al dramma in costume. Si inizia la serie credendo di vedere un emulo di Orgoglio e Pregiudizio, si finisce che non si è più molto convinti che questo paragone regga.

Un romance dal punto di vista femminile

Come già detto, l’intreccio di Bridgerton non è nulla che non sia già stato portato mille volte sul grande e piccolo schermo. A essere innovativo è il modo di trattare alcune tematiche legate al femminile  - le mestruazioni, la masturbazione, il desiderio sessuale -  e l’aggiornamento di grandi leitmotiv del genere, come il matrimonio e la posizione della donna in società. Quello che nel Piccole Donne di Greta Gerwig risultava stucchevole, oltre che del tutto fuori focus, qui è invece perfettamente centrato.

 

Bridgerton, proprio come in Orgoglio e Pregiudizio, ruota attorno al tema del matrimonio come contrattazione e come elemento di emancipazione sociale per la donna. 

Non si fa fatica ad ammettere che Shonda Rhimes, sin dai tempi in cui faceva la sceneggiatrice, parla perlopiù al pubblico femminile e che anche i romanzi di Julia Quinn siano letti soprattutto dalle donne. Bridgerton non fa dunque segreto del suo punto di vista femminile, che viene reso particolarmente palese in alcune sequenze: come quella che chiude l’episodio 1x05, The Duke and I, strategicamente a metà stagione.

claudia-jessie-nicola-coughlan-in-bridgerton-credits-liam-daniel-netflix-1610472749.jpeg

Un altro elemento di innovazione: al centro di una storyline romantica - sempre credibile e mai grottesca - c’è un personaggio femminile (Penelope) che non corrisponde agli standard di bellezza più diffusi e proclamati. Sembra tutto scontato, ma quante altre volte avete visto in tv un’attrice con la fisicità di Nicola Coughlan non recitare nei panni dell’amica di ma portare avanti la trama fino a diventare centrale nel proprio intreccio?

Perché Bridgerton non è il solito period tv show

In effetti, di dramma in Bridgerton ce n’è poco. Per l’umorismo e l’adattamento contemporaneo, oltre che per la presenza di protagonisti adolescenti (o comunque molto giovani) e della misteriosa cronista scandalistica, la serie tv è stata su vari fronti accostata a Gossip Girl.

Ancora una volta Shonda Rhimes presta la sua potenza produttiva a uno show che fa leva su un genere di successo e che parte da schemi che il pubblico conosce bene, e in cui si sente a suo agio, per innestare l'elemento di innovazione. In questo caso oggetto di un significativo rinnovamente (o svecchiamento) è il period drama. Domani, chissà.

 

Forse non sarete mai fan di Shonda né del costume drama ma valeva la pena sapere, almeno, di che cosa si sta parlando.


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta SilenzioinSala.com

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder