facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Sisnero
Sisbianco
Sisbianco

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

MuciaraFestival-Bannerstretto

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

The Father (2020): la recensione del film di Florian Zeller con Anthony Hopkins e Olivia Colman

30/03/2021 10:00

Valentina Pettinato

Recensione Film, Film Drammatico, Film Francia, Film Regno Unito, Olivia Colman, Imogen Poots, Anthony Hopkins, Florian Zeller, Ludovico Einaudi, Oscar2021,

The Father (2020): la recensione del film di Florian Zeller con Anthony Hopkins e Olivia Colman

The Father è un dramma familiare, curato in ogni dettaglio, con due grandi protagonisti

La pièce Le Père, scritta per il teatro da Florian Zeller, nel 2012 debutta a Parigi e riscuote un grandissimo successo. La stessa opera diventa un adattamento teatrale in lingua inglese realizzata dal premio Oscar Christopher Hampton e una prima versione cinematografica nel 2015 – Florida - di Philippe Le Guay, presentata a Locarno.

Nel 2020 è lo stesso Zeller, papà dell’opera, che decide di realizzare il suo primo film con quello stesso materiale artistico, debuttando con The Father, lungometraggio che ha ottenuto ben 6 candidature ai Premi Oscar 2021 ed è forse uno degli adattamenti dal palco allo schermo più sensazionali realizzati negli ultimi tempi.

schermata2021-03-30alle13-07-57-1617102494.png

La trama del film è molto semplice: Anthony (Anthony Hopkins) ha 80 anni ed è affetto da demenza senile. È un uomo ironico tanto quanto brusco e rifiuta in maniera drastica tutte le infermiere che sua figlia, Anne (Olivia Colman), sceglie per lui. Trovare aiuto è importante anche per Anne, dato che le condizioni di suo padre peggiorano sempre più. 

The Father è un dramma familiare, quasi interamente monolocation. Abbiamo le stanze di una casa, che a volte cambia arredamento. Un dipinto sopra il camino, un orologio che non è sempre al suo posto, una cena a base di pollo: questi gli indizi di una giornata un po' strana, in cui niente è come sembra. La narrazione procede in maniera sfuggente, totalmente inaffidabile, acciuffando lo spettatore e imbrigliandolo nella mente di un uomo affetto da demenza senile, in un bellissimo lavoro di rappresentazione della malattia attraverso la messa in scena. 

l6yhttykpohxywemex7avehj87l-1617102839.jpegoliviacolman-1617102843.jpganthony-hopkins-in-the-father-1617102832.jpg

Grazie anche a un superbo lavoro di montaggio, la pellicola ci permette di provare la stessa confusione del protagonista: iniziamo a mettere in discussione tutto insieme a lui, chiedendoci in cosa risieda la verità.​ Per Anthony la vita è diventata una lotta per riconoscere la realtà e Zeller riesce a rappresentare lo stesso disagio, attraverso luoghi abituali che cambiano, volti familiari che tradiscono, ricordi sbiaditi che offuscano il passato.

Ma se, disorientato su una poltrona, troviamo lo splendido Anthony Hopkins con la testa tra le mani, a fargli una carezza e ad aiutarlo a indossare il maglione dal verso giusto c’è lei, una meravigliosa Oliva Colman, che affronta in maniera straziante la perdita di suo padre mentre lui ancora vive, cercando disperatamente di tenere insieme i pezzi della sua memoria.

Proprio il personaggio di Anne permette allo spettatore di orientarsi all’interno della narrazione. La performance di Colman restituisce l’autentico amore di una figlia. Nel suo sorriso di incoraggiamento e nei suoi occhi velati, quando suo padre non la riconosce, il regista deposita il senso di questa pellicola. 

In The Father la complessità del racconto viene gestita dal lavoro di squadra di altissima qualità: lo scenografo Peter Francis ha realizzato varie versioni degli stessi ambienti, ha inserito dettagli diversi, piccoli particolari che disorientano; il montatore Yorgos Lamprinos riavvolge il film e ci restituisce la storia, di volta in volta, con una carica diversa, oleando perfettamente il meccanismo della confusione e agendo direttamente sul tempo filmico, che non è più lineare ma quasi contraddittorio. Toccante e spietato allo stesso tempo, The Father punta dritto al cuore dello spettatore, e potrebbe fare incetta di statuette.


the-father-poster-scaled-1617102954.jpg

Genere: drammatico

Titolo originale: The Father

Paese, Anno: Francia/Regno Unito, 2020

Regia: Florian Zeller

Soggetto: dalla pièce teatrale di Florian Zeller

Sceneggiatura: Christopher Hampton, Florian Zeller

Fotografia: Ben Smithard

Montaggio: Giōrgos Lamprinos

Interpreti: Anthony Hopkins, Olivia Colman, Mark Gatiss,

Imogen Poots, Rufus Sewell, Olivia Williams

Musiche: Ludovico Einaudi

Produzione: F comme Film, Trademark Films, Cine@

Distribuzione: BiM Distribuzione

Durata: 97'


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

Drive-in

Supporta SilenzioinSala.com

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder