photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Seven, la recensione

07/07/2012 11:00

Giuseppe Salvo

Recensione Film, David Fincher, Kevin Spacey, Morgan Freeman, Brad Pitt,

Seven, la recensione

L'oscurità come unico possibile campo di indagine

L'oscurità come unico possibile campo di indagine. Le luci delle torce a fendere il buio dei più reconditi antri dell'animo umano. Non lava le laide coscienze nemmeno la pioggia, che diventa, piuttosto, scroscio incessante che insozza e intorbidisce. È un tetro cammino quello intrapreso da David Fincher su una rampa lunga sette giorni, scoscesa e diretta al centro dei metropolitani gironi di un inferno senza coordinate, ma prossimo e impellente, urgente nel suo volgersi come interiora tumefatte e viscose. E attraverso gli stilemi thrilleristici della serialità omicida, rimpolpata e condotta a rinnovate aberrazioni psicologiche e visive da Jonathan Demme con Il Silenzio degli Innocenti, e un cast di attori ai massimi picchi di notorietà, il regista di Alien³ si assicura il lasciapassare per introdursi nei circuiti della grande distribuzione hollywoodiana, con un’opera diventata in brevissimo tempo un cult degli anni Novanta.

hseven-locandina-poster-cinefacts-1604321516.jpg

A pochi giorni dalla pensione, il tenente William Somerset (Morgan Freeman) indaga suo malgrado su un difficile ed efferato caso di omicidio. Per lo stanco poliziotto, disilluso da un mondo di orrore e violenza, è il modo peggiore per chiudere la carriera, ancor di più perché a quel primo assassinio sembra esserne collegato un altro.

Quando in città giunge il detective Mills (Brad Pitt) a fare squadra con il tenente, i due inizieranno a dare la caccia ad un paranoico ispirato da un afflato di fanatismo religioso, che sceglie le proprie vittime punendole per la corruzione fisica e morale delle loro vite. Ognuna colpevole irredenta di uno dei sette peccati capitali.

18581-.jpeg

Tra i foschi e calpestati vicoli urbani di generi antichi quanto le crime story di Agatha Christie e Edgar Allan Poe, David Fincher fa valere una connaturata perizia autoptica nel ricucire le diverse gradazioni cromatiche di generi e paradigmi letterari. Sutura la dominante vermiglia di grumose e sanguinolente scene del crimine con la contorsione dei modus investigativi da giallo poliziesco, investiti dall’ombra cupa e torbida di venature spiccatamente neo-noir. Fincher conosce il modo di allestire una camera mortuaria, possiede il gusto umbratile per il racconto d’atmosfera. Sa come sfruttare la macabra avidità dello spettatore, la sua curiosità fruitiva, affidandosi al medio scetticismo sociologico del grande pubblico per avanzare dilemmi di natura morale su un mondo marcio che va a rotoli, e spingendo i pochi buoni propositi dei protagonisti – l’ottimismo pavoneggiante di Mills, la vulnerabile speranza materna di Gwyneth Paltrow – nell’inceneritore di un pessimismo cosmico metropolitano uggioso e angoscioso. Lo scambio di battute del triangolo Mills/Sommerset/Doe, durante l’estenuante viaggio conclusivo verso il patibolo, non è solo il retorico corollario di frasi ad effetto nel decadente umanesimo di fine millennio, ma la diagnosi terminale dei sintomi oncologici e delle tumefazioni avvertite lungo tutta la narrazione. Un cupo resoconto, teso e spedito su rotaie incandescenti che portano ad un solo crocevia. E a un solo inferno, senza via di ritorno.


seven-film-poster-fincher-1604321505.jpg

 

Genere: thriller, crime

Titolo originale: Se7en

Paese/Anno: USA, 1995

Regia: David Fincher

Sceneggiatura: Andrew Kevin Walker

Fotografia: Darius Khondji

Montaggio: Richard Francis-Bruce

Interpreti: Brad Pitt, Morgan Freeman, Gwyneth Paltrow, Kevin Spacey

Colonna sonora: Howard Shore

Produzione: New Line Cinema

Durata: 95'

 


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder