photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Quarto potere (1941): la recensione del più grande film della storia del cinema, firmato Orson Welles

12/11/2014 11:00

Martina Calcabrini

Recensione Film, Film Drammatico, Film USA, Orson Welles,

Quarto potere (1941): la recensione del più grande film della storia del cinema, firmato Orson Welles

Il capolavoro indiscusso del cinema, attorno al mistero di Rosebud

Nel 1941 l'esordiente Orson Welles decide di realizzare Quarto Potere, un giallo intenso e innovativo che, superando le convenzioni del cinema classico e infrangendo le regole aristoteliche, si rivelava una libera trasposizione cinematografica della biografia di William Randolph Hearst, potente magnate dell'industria di legname e dell’editoria.

schermata2020-12-06alle18-19-22-1607275183.png

Il giovane Charles Foster Kane (Orson Welles) vive una vita umile in una piccola cittadina americana. Quando la madre eredita una fortuna, l'istruzione del bambino viene affidata alle cure di una prestigiosa banca, responsabile dei suoi interessi monetari fino al venticinquesimo compleanno.

Venuto in possesso del patrimonio, Charles - ormai direttore di trentasette testate giornalistiche - si presenta come difensore dei lavoratori e si candida come governatore della città. A pochi giorni dalle elezioni, però, uno scandalo rovina la sua reputazione e il suo matrimonio. Poco dopo aver ottenuto il divorzio, sposa Susan Alexander (Dorothy Comingore), aspirante cantante lirica, le costruisce un teatro personale e la costringe a esibirsi nonostante i giudizi negativi di pubblico e critica. Nel frattempo fa erigere il castello di Kambdalù, lo riempie di statue e di opere d'arte e lo trasforma nella lussuosa dimora in cui la donna passa le sue monotone giornate.

Inquadratura di un minaccioso cartello. Lenta carrellata verso l’alto e lo spettatore viene immesso in una residenza imponente, oscura e misteriosa. La dimora residenziale di uno degli uomini più famosi e discussi d’America diviene il mausoleo in cui egli trascorre gli ultimi, desolati, giorni della propria vita.

 

In punto di morte, Charles Foster Kane pronuncia una parola che potrebbe custodire un arcano segreto, la scoperta del quale riempirebbe le prime pagine di tutti i rotocalchi. I giornalisti, allora, intervistano le persone a lui più care da cui scoprono aneddoti, curiosità e aspirazioni del magnate. Nonostante però tutti concordino sulla sua smisurata brama di gloria e sulla sua perversa concezione superomistica, Kane continua a rimanere un rompicapo persino per i suoi familiari.

29031-.jpeg

Incorniciando la vicenda in un impianto scenico - barocco e pomposo - che fonde cinema e teatro in un organico unicum spazio/temporale, Orson Welles utilizza sequenze metacinematografiche come opache finestre sul mondo contemporaneo e come specchi frammentari di una realtà deforme e corrotta.

Sceglie, inoltre, di raccontare la storia in modo distaccato, impersonale e oggettivo, in modo che il pubblico possa -fotogramma dopo fotogramma - sviluppare un’idea personale sul protagonista. Il regista, da parte sua, assistendo alla scena come un semplice voyeur, divide la narrazione in due spazi diegetici connessi attraverso flashback, dissolvenze e inusuali profondità di campo. Utilizzando la magistrale fotografia espressionistica di Gregg Toland - capace di fondere meccanica, ottica e illuminotecnica - Quarto Potere si rivela un capolavoro di indagine psicologica e una coraggiosa analisi della pericolosa metamorfosi del sistema capitalistico americano.


schermata2020-12-06alle18-18-14-1607275136.png

Genere: drammatico

Titolo originale: Citizen Kane

Paese, Anno: USA, 1941

Regia: Orson Welles

Sceneggiatura: Orson Welles, Herman J. Mankiewicz

Fotografia: Gregg Toland

Montaggio: Robert Wise

Attori:Orson Welles, Dorothy Comingore, Agnes Moorehead, Ruth Warrick, Ray Collins, Erskine Sanford, Everett Sloane, Joseph Cotten, George Coulouris, Charles Bennett, Fortunio Bonanova, Gus Schilling, William Alland, Georgia Backus, Harry Shannon, Paul Stewart, Buddy Swan, Philip Van Zandt

Musiche: Bernard HerrmannProduzione: Mercury Theatre, RKO Radio Pictures

Distribuzione: RKO (1948)
Durata: 119 min


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder