photo
le parti noiose tagliate
footer

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)
sisnero
sisbianco
sisbianco

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Tideland - Il mondo capovolto

14/03/2017 11:00

Lorenzo Pedrazzi

Recensione Film,

Tideland - Il mondo capovolto

Un film difficile dal genio di Terry Gilliam

40251-.jpeg

Jeliza-Rose non è certo cresciuta su solide basi: figlia di un cantante rock dimenticato e bruciato dalla droga, vive nel caos di una famiglia sbandata, amata (a suo modo) dal padre e bistrattata dalla madre. Ma alla morte improvvisa di quest’ultima, Jeliza-Rose sarà costretta a trasferirsi nella vecchia casa di campagna della nonna paterna, ormai poco più che un rudere abbandonato in mezzo alla prateria; qui incontrerà personaggi alquanto stravaganti, e la sua fantasia si costruirà un proprio piccolo mondo in cui viaggiare liberamente.


Lasciategli autonomia creativa, e Terry Gilliam vi spingerà senza preavviso nella tana del Bianconiglio, dove la piccola Jeliza-Rose vi prenderà per mano e vi mostrerà quant’è profonda: sgravato dal giogo opprimente dei produttori (i Weinstein, per citare il caso più recente), l’immaginario allucinato, estroso, debordante dell’autore inglese è libero di vagare nel mondo anarchico di una fiaba nera, un luogo della mente che trasfigura cose e persone secondo la propria (assenza di) legge. Ne nasce così un film difficile, che non concede nulla allo spettatore ma lo costringe a calarsi nella prospettiva deformata di una bambina sola, deliziosamente candida e incosciente, trinceratasi nella sua fantasia per sopravvivere e conservare un minimo di sanità mentale, tale è l’instabilità delle condizioni in cui è nata e cresciuta. E Terry Gilliam la pedina, ne segue ogni passo, ogni avventura, ne coglie ogni mezza parola rivolta a sé stessa (o alle proiezioni di sé stessa, le bambole), viola l’intimità della sua immaginazione e vede tutto attraverso i suoi occhi: «Ho realizzato questo film a sessantaquattro anni e credo di avere finalmente scoperto il bambino che è dentro di me» confessa il regista, invitandoci a seguire il suo esempio nella visione di quest’opera che visceralmente gli appartiene, dalle inquadrature sbilenche ai tempi dilatati dell’azione (pressoché inesistente: nella storia non accade quasi nulla), dalle bizzarre escursioni oniriche al racconto di un’umanità disfatta, emarginata, chiusa nelle proprie piccole follie e dimenticata dal mondo civile. Forse in un film come Tideland - Il mondo capovolto Terry Gilliam ha l’opportunità di indagare la dimensione privata delle sue ossessioni, trasformando il romanzo di Mitch Cullin in un sogno/incubo personale che, però, mai eccede in apparizioni barocche o deliri autocompiaciuti; non tutti saranno disposti a seguirlo, ma nessuno potrà restare indifferente. Formidabile, in un ottimo cast, la giovane Jodelle Ferland, che regge l’intero film sulle sue spalle.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

cinemadvisor

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder