photo

NETFLIX

copertine blog.jpeg

NOW TV

le parti noiose tagliate
footer

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)
sis nero
sisbianco
sisbianco

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Rocco e i suoi fratelli (1960), la recensione del capolavoro di Luchino Visconti con Alain Delon

08/03/2016 11:00

Mattia Caruso

Recensione Film, Di Tendenza, Film Drammatico, Film Italia, Claudia Cardinale, Luchino Visconti, Alain Delon,

Rocco e i suoi fratelli (1960), la recensione del capolavoro di Luchino Visconti con Alain Delon

Uno dei film più emblematici di un intero periodo storico e, insieme, una tra le opere più incisive di tutto il cinema italiano.

Era il 1960 e la terra tremava ancora una volta nel cinema di Luchino Visconti, costringendo masse di disperati a fuggire verso nuovi orizzonti, verso un'altra, inevitabile sconfitta. A dodici anni di distanza dal capolavoro neorealista ispirato a I Malavoglia, il regista milanese tornava a volgere il suo sguardo agli ultimi e alla questione meridionale, scegliendo di adottare, questa volta, il punto di vista dei migranti; di quegli uomini e donne in fuga da un mondo che ormai stava per finire. 

rocco-4.jpeg

Nasceva così, nella fredda Milano del boom economico, delle case popolari, della miseria delle periferie, uno dei film più emblematici di un intero periodo storico e, insieme, una tra le opere più incisive di tutto il cinema italiano.

34761-.jpeg

Non è un caso che, ancora oggi – proprio nei giorni in cui torna nelle sale in una versione restaurata e senza i deprecabili tagli di censura del tempo – al di là del fervore ideologico, oltre la rigorosa vocazione da spaccato sociale, Rocco e i suoi fratelli mantenga intatta tutta la sua carica drammatica ed emozionale; l'universalità di una storia capace, per intensità e padronanza espressiva, di sfiorare la portata del mito. 

rocco-400.jpeg

Nelle disavventure familiari dei lucani Parondi - cinque fratelli e una madre vedova al seguito - e nella loro lotta per la vita, tra incontri di boxe, lavori saltuari e amori tormentati, c'è infatti più di una realtà esplorata e ricostruita minuziosamente, più di una visione politica forte ma irrimediabilmente datata.

In Rocco e i suoi fratelli c'è, prima di tutto, la forza deflagrante e pervasiva del melodramma, il respiro classico e simbolico della tragedia. 

 

Messo da parte il verismo verghiano e accantonata l'autenticità di interpreti presi dalla strada, l'operazione di Visconti si colora delle tinte cupe e magniloquenti dell'epica, in un dramma dove la misera quotidianità cozza costantemente con l'enormità arcaica, violenta e ancestrale dei sentimenti e delle passioni. 

rocco-4000.jpeg

Sono, in fondo, due mondi a contrapporsi nel film dell'autore di Ossessione; due sistemi di valori antitetici in uno scontro di civiltà che ha già ben delineati vincitori e vinti, passato e futuro di un'umanità che non sarà mai più la stessa. 

 

É all'ombra del nascente stile di vita piccolo borghese - quello inseguito da Ciro e Vincenzo, quello visto con diffidenza da Rocco, quello disprezzato e irriso da Simone - che vengono allora a definirsi le dinamiche dietro agli inconsapevoli protagonisti, delineandone i contrasti, preparandone la tremenda disfatta, il sacrificio finale che ne sancisca definitivamente la perdita d'innocenza.

rocco-490.jpegrocco-44.jpegrocco-49.jpeg

Con una eccezionale padronanza formale ed espressiva, servendosi di un bianco e nero marcato ed evocativo, di soluzioni audaci e di una messa in quadro fortemente simbolica, Visconti compone - in capitoli dedicati a quattro dei cinque fratelli - un romanzo popolare intriso di suggestioni letterarie (da Giovanni Testori a Thomas Mann), dove la realtà si trasfigura fino a deflagrare su se stessa, tra tensioni fratricide, amore familiare, violenza cieca e disperazione. 

rocco-2.jpeg

Un crescendo drammatico e costante di rabbia, frustrazione e vendetta che esplode nella devastante sequenza all'idroscalo e si spegne negli sguardi smarriti di Renato Salvatori e Alain Delon. Nel dramma di una sconfitta, di un desiderio frustrato per l'ultima volta.


Rocco e i suoi fratelli torna al cinema dall’11 al 17 luglio 2024, parte della campagna estiva Cinema in Festa.



rocco-3.jpeg

Genere: drammatico

Paese, anno: Francia/Italia, 1960

Regia: Luchino Visconti

Sceneggiatura: Luchino Visconti, Suso Cecchi d'Amico, Pasquale Festa Campanile, Massimo Franciosa, Enrico Medioli, Vasco Pratolini

Fotografia: Giuseppe Rotunno

Montaggio: Mario Serandrei

Musiche: Nino Rota

Interpreti: Alain Delon, Annie Girardot, Renato Salvatori, Katina Paxinou, Alessandra Panaro, Spiros Focás, Corrado Pani, Roger Hanin, Paolo Stoppa, Suzy Delair, Claudia Cardinale, Max Cartier, Rocco Vidolazzi, Claudia Mori, Adriana Asti, Rosario Borelli, Renato Terra, Enzo Fiermonte, Nino Castelnuovo, Becker Masoero, Luigi Basagaluppi, Saveur Chioca, Bruno Fortilli, Franca Valeri, Gino Seretti, Felice Musazzi, Rocco Mazzola, Emilio Rinaldi, Eduardo Passarelli

Distribuzione: Titanus, Mondadori Video

Produzione: Titanus, Les Films Marceau

Durata:180 min

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

cinemadvisor

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

ULTIMI ARTICOLI

joker