photo
le parti noiose tagliate
footer

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)
sisnero
sisbianco
sisbianco

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

I figli degli altri (2022), la recensione del film romantico di Rebecca Zlotowski, che si ispira a Baumbach e

07/09/2022 16:00

Cristiano Salmaso

Recensione Film, Festival, Festival di Venezia, Film Romantico, Film Drammatico, Film Francia, Venezia79, Rebecca Zlotowski ,

I figli degli altri (2022), la recensione del film romantico di Rebecca Zlotowski, che si ispira a Baumbach e Richard Curtis

Film romantico francese con ambizioni d’autore, ma lo stampo è da commedia sentimentale anglofona.

Oltre la cerchia dei big presenti a Venezia 79, Les enfants des autres si prepara all’arrivo in sala con un certo vantaggio sulla concorrenza: è tra i film in gara per il Leone d’oro, il che ne certifica una certa autorevolezza, ha un titolo astuto come pochi (e a prova di traduzioni “creative”) e dura meno di due ore (ancor più apprezzato in un Festival di maratoneti).

venezia-79-poster-copertina.jpeg

Rachel è una splendida non più giovane donna, single e senza figli, insegnante in un liceo parigino. 

C’è un ex con il quale è rimasta in buoni rapporti, una sorella più giovane che resterà incinta senza volerlo, un giro di amici e corteggiatori: la spunta su tutti Alì, uomo affascinante e padre separato, conosciuto a un corso di chitarra.

i-figli-degli-altri-recensione-1.webp

All’inizio sono rose e fiori poi arrivano i problemi, soprattutto perché di mezzo ci sono anche i figli (degli altri, appunto) e con la piccola Leila stava nascendo un legame. Mentre Alì ritorna al suo passato Rachel prova a guardare avanti, ma il momento giusto per avere un figlio suo sembra sfumato per sempre. 

 

Finale “sliding doors”sulle note di Jobim , perché quando la vita ci costringe a rinunciare spunta sempre qualcuno a ricordarci: «Hai lasciato il segno»

Non si può dire un brutto film questo I figli degli altri, tranche de vie (amorosa) della maturità che, a ben vedere, non era stata così esplorata come quella giovanile, o anche quella degli anziani. Film romantico con ambizioni d’autore (c’è perfino un cameo di Wiseman), vuoi anche per le sue origini francesi, ma lo stampo è da commedia sentimentale anglofona con l’indispensabile dose di amarezza perché si sa, «l’amore è la ricerca del piacere che diventa poi tristezza».

 

L’atmosfera è un po' quella di La persona peggiore del mondo o di certi film di Noah Baumbach (Francis-Ha, Storia di un matrimonio) ma anche di quelli scritti da Richard Curtis (Love actually). 

i-figli-degli-altri-recensione.jpeg

Certo c’è il tema della maternità (questa volta quella voluta e non trovata) ma Rebecca Zlotowski lascia fare al resto senza farne un film a tema. Virginie Efira (l’elenco dei suoi film suona come la miglior sinossi di quest’ultimo) fa sua la parte e se si empatizza con il personaggio ci si cade dentro con tutte le scarpe. Tra i tanti film esanimi di quest’anno può distinguersi per vitalità e tenerezza, ma candidarlo nella sezione principale pare davvero troppo.


i-figli-degli-altri-recensione.png

Genere: commedia, drammatico, romantico

Paese, anno: Francia, 2022

Regia: Rebecca Zlotowski

Interpreti: Virginie Efira, Roschdy Zem, Chiara Mastroianni, Mireille Perrier, Frederick Wiseman, Henri-Noël Tabary

 

Montaggio: Géraldine Mangenot

Produzione: Les Films Velvet

Distribuzione: Europictures

Durata: 104'

Data di uscita: 22 settembre 2022

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

cinemadvisor

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder