facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

La notte del giudizio, la recensione

21/07/2016 11:00

Maurizio Encari

Recensione Film, Film Azione, Film Horror, notte del giudizio,

La notte del giudizio, la recensione

Una lunga notte di efferata violenza... legale

Nel 2022 gli Stati Uniti vivono un periodo di grande ricchezza e benessere, con la disoccupazione calata ai minimi storici e la quasi totale scomparsa del crimine. Gli atti di violenza hanno avuto pressoché fine dopo l'introduzione di una ricorrenza annuale, ormai in vigore da qualche anno: in una determinata notte di marzo viene concesso alla popolazione di commettere anche i più efferati delitti senza poi doverne pagare le conseguenze. Un periodo che viene considerato salutare dalla maggioranza della popolazione americana, visti poi gli effettivi risultati di pace e serenità durante gli altri 364 giorni.

schermata2020-10-28alle14-1603893343.png

La famiglia Sandin, formata dal padre James (ricco uomo d'affari specializzato in impianti di security), dalla moglie Mary e dai figli Charlie e Zoey, si appresta come ogni volta a trascorrere quelle fatidiche dodici ore di follia rintanata nella loro casa, protetta da un avveniristico sistema di sicurezza. Ma la presenza non prevista del fidanzato di Zoey (malvisto da James per la differenza d'età) e la richiesta d'aiuto da parte di un senzatetto di colore trasformeranno la notte in un vero e proprio incubo.

Primo capitolo di una trilogia, La notte del giudizio può senza dubbio essere considerato uno degli horror/thriller più interessanti degli ultimi anni.

 

Non tanto per la messa in scena che, seppur realizzata con efficacia, ripercorre più o meno pedissequamente tutti gli stilemi del filone home invasion, quanto per una genesi narrativa che apre le porte a diversi spunti di riflessione trasformando questo futuro distopico in una lucida metafora sui nostri tempi che guarda da vicino i più riusciti exploit carpenteriani. L'epurazione del titolo originale (The Purge), tradotta in italiano con un più banale sfogo, permette così di tracciare un ritratto sociale del falso senso di sicurezza di un intero Paese, concetto che oggi più che mai non si limita soltanto al suolo americano ma all'Occidente intero. Protetti da sistemi di sicurezza, sulla carta inattaccabili, i protagonisti si trovano comunque impreparati a lottare con un orrore spaventoso più che mai, date le sue origine saldamente terrene che risiedono nell'animo di una collettività malata e perversa animata solo dall'odio che non vede l'ora di poter scatenare, conscia che le azioni di cieca violenza non avranno conseguenze legali. Esplicativa assai è la parte finale, dove i ruoli finiscono quasi per ribaltarsi trasformando amici e vicini in altrettanti carnefici, in una caduta nell'oblio morale nel quale sopravvive soltanto una tenue luce di speranza incarnata dalla famiglia Sandin, costretta giocoforza a confrontarsi con i propri ideali col procedere degli eventi.

36431-.jpeg

Il regista James DeMonaco, anche sceneggiatore, è bravo sia a gestire i complessi rapporti tra i vari personaggi principali sia a mettere in scena un percorso di esasperante attesa, tramite riprese in soggettiva (il bambolotto telecomandato) e video delle telecamere di sorveglianza, riuscendo a montare minuto dopo minuto un'escalation di tensione rara e genuina, ben sorretta dalle solide interpretazioni del cast, Ethan Hawke e Lena Headey in testa. L'ultima mezzora, poi, cambia in parte le carte ritmiche puntando su azione sanguigna e vibrante che, seguendo i canoni di un western moderno ambientato tra quattro mura, prepara lo spettatore all'intensa ed inquietante resa dei conti finale, dove il dramma della violenza si palesa come normale quotidianità in un mondo ormai dominato soltanto da invidie e rancori.


schermata2020-10-28alle14-1603893316.png

Genere: fantascienza, horror, thriller

Titolo originale: The Purge

Paese/Anno: Francia/USA, 2013

Regia: James DeMonaco

Sceneggiatura: James DeMonaco

Fotografia: Jacques Jouffret

Montaggio: Peter Gvozdas

Interpreti: Aaron Kuban, Adelaide Kane, Alicia Vela-Bailey, Arija Bareikis, Boima Blake, Chester Lockhart, Chris Mulkey, Dana Bunch, David Basila, Edwin Hodge, Ethan Hawke, John Weselcouch, Karen Strassman, Lena Headey, Max Burkholder, Nathan Clarkson, Peter Gvozdas, Rhys Wakefield, Tisha French, Tom Yi, Tony Oller, Tyler Osterkamp

Colonna sonora: Nathan Whitehead

Produzione: Blumhouse Productions, Platinum Dunes, Universal Pictures, Why Not Productions

Distribuzione: Universal Pictures

Durata: 85'

Data di uscita: 01/08/2013

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder