photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

La cura dal benessere

21/06/2017 10:00

Vincenzo Trapanese

Recensione Film,

La cura dal benessere

Dall'eclettico Gore Verbinski, un film grottesco ma molto raffinato

39301-.jpeg

Lockhart è un giovane broker di Wall Street. Viene incaricato di riportare a New York Pembrooke, l’amministratore delegato dell’azienda, che si è allontanato dal lavoro per un lungo soggiorno in una clinica di riposo situata nelle Alpi Svizzere. L’operazione di recupero sembra riuscita ma sulla via del ritorno un misterioso incidente blocca il ragazzo, che si ritroverà a soggiornare nell’oscura clinica con una gamba ingessata. Durante la sua permanenza Lockhart indagherà sui sinistri metodi di cura e sui misteri che nasconde la struttura.


Diretto dall'eclettico Gore Verbinski, La cura dal benessere è un film grottesco ma molto raffinato. La firma del regista è palese e come sempre Verbinski sfodera non poche chicche stilistiche: si passa dal gothic al thriller psicologico e le scene creepy sono curatissime. La fotografia è decisamente sontuosa: le atmosfere sono cupe e misteriose, ma le immagini hanno colori saturi e eleganti; protagonista è il blu profondo, lo stesso colore del siero contenuto nelle misteriose boccettine che vengono date ai pazienti. Spicca anche la prova degli attori, su tutti i tre protagonisti: il giovane uomo d’affari interpretato dal sempre bravo Dane DeHaan, l’inquietante direttore della clinica, il Dottor Volmer di Jason Isaacs e l’attrice e modella Mia Goth.


Quello che probabilmente manca a La cura dal benessere è una trama più fluida. La storia è da un lato estremamente affascinante, un racconto della frenesia dei nostri tempi e della conseguente ricerca forzata del benessere; dall’altro si sprecano i rimandi a sci-fi movies, ai thriller più noti e a un altro film che tratta di una clinica misteriosa: Shutter Island di Martin Scorsese. Una curiosità: prima dell’uscita del film è stato fatto un’interessante lavoro di promozione, in cui sono stati condivisi sul web meme raffiguranti immagini inquietanti di cliniche di cura realmente esistenti. Tutto questo ha creato una discreta attesa nei confronti del film, che tuttavia — a dispetto delle atmosfere riuscite — manca di una storia forte e di un buon ritmo. Anche la colonna sonora, affidata a Benjamin Wallfisch, ricorda (troppo) le sonorità di Ennio Morricone. Il brano conclusivo, una cover acustica di I wanna be sedated dei Ramones, è emblematica per descrivere l’effetto di questo film: un’opera ben fatta ma non del tutto incastrata in un meccanismo funzionante.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder