facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Sisnero

SilenzioinSala.com
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

MuciaraFestival-Bannerstretto

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTERTER

Marie Antoinette (2006), la recensione: così Sofia Coppola ha rivoluzionato il biopic

17/02/2021 18:41

Emanuela Di Matteo

Recensione Film, Film Drammatico, Film Biografico, Film Francia, Sofia Coppola, Film USA, Film Storico, Kristen Dunst , Milena Canonero, Antonia Fraser,

Marie Antoinette (2006), la recensione: così Sofia Coppola ha rivoluzionato il biopic

Intimista, pop, provocatore, il film di Sofia Coppola è un unicum nel genere del biopic

Sofia Coppola è da sempre interessata all'analisi delle figure femminili e in particolare di quelle adolescenziali. Non stupisce, allora, che nel 2006 diriga Marie Antoinette, tratto dalla biografia della sovrana di Francia scritta da Antonia Fraser, Maria Antonietta - La solitudine di una regina.

Marie Antoinette si concentra sul racconto della crescita di una giovane Maria Antonietta, sul suo passaggio dalla tarda infanzia all'età adulta. La Rivoluzione Francese, che porterà l’Europa alla modernità e a un nuovo concetto di Stato, non è altro che uno sfondo. Un contesto lontano.

marie-antoinette-1613585412.jpg

Marie Antoinette è un film storico solo in apparenza: non tiene, infatti, conto della verosimiglianza e attendibilità tanto nei costumi - la Regina a un ballo indossa delle Converse color malva - quanto nelle location e scenografie. Quello che interessa raccontare è la storia di una ragazza, di una teen-ager, in un mondo pop e surreale come quello di Versailles, particolarmente tedioso e pieno di rituali ripetitivi.

In questo contesto i meravigliosi costumi creati da Milena Canonero, Premio Oscar 2007 per questo film, sono fondamentali per scandire il tempo che passa, le giornate sempre identiche e per delineare il carattere e la psicologia dei vari personaggi.

La regista indaga i riti di passaggio, fìsico e simbolico, che segnano la vita di una giovane donna. In Lost in Translation si trattava dell'affacciarsi al mondo degli adulti; prima ancora, ne Il Giardino delle Vergini suicide, le belle sorelle Lisbon dovevano affrontare tragiche feste e sfortunati innamoramenti; infine in Marie Antoinette, la giovane regina deve varcare il confine che dall'Austria la porterà fino in Francia, e lì affrontare il suo destino.

marie-antoinette-1-1613585421.jpg

Maria Antonietta (Kristen Dunst) ha quattordici anni ed è la promessa sposa di Luigi XVI, re di Francia.

Entra a Versailles nel 1770 e vi resta fino allo scoppio della Rivoluzione, quando dovrà trasferirsi al Palazzo delle Tuileries il 6 ottobre del 1789. Qui Marie Antoinette non è più la ragazzina di un tempo. Omai diventata una donna, madre di due figli, non conosce ancora il destino tragico che l'attende: la morte per ghigliottina, non raccontata nel film, appare come un evento ancora più crudele e inaspettato.

Nel film di Sofia Coppola oltre che i costumi, è la musica a essere in primo piano - come nella realtà era davvero per le classi nobili e privilegiate - con una selezione di brani classici e moderni, soprattutto pezzi rock e pop degli anni Ottanta e gruppi indie.

Fischiato a Cannes, ma ben recensito in seguito da molta critica, Marie Antoinette è destinato a dividere il pubblico. Chi si aspetta il profilo storico e biografico della Regina durante la Rivoluzione Francese resterà deluso.

Intimista, pop, provocatore, il film di Sofia Coppola percorre per conto suo una strada espressiva che ha i tratti del sogno e che racconta di una ragazzina che nulla sa del mondo e si trastulla tra scarpe, dolciumi e cagnolini.

marie-antoinette-marie-antoinette-27292527-1500-996-1613586723.jpg

Dal matrimonio poco e mal consumato col marito alle intriganti amicizie femminili, dall'amore per il bel conte Fersen: la storia di Marie Antoinette è quella di una donna che muore all'età di 37 anni proprio nel momento in ci stava iniziando a capire cosa significasse vivere, capro espiatorio in un contesto ben più grande di lei.


1887-locandina-big-1613585657.jpg

Genere: storico, drammatico, biografico

Titolo originale: Marie Antoinette

Paese, Anno: USA/Francia/Giappone, 2006

Regia: Sofia Coppola

Soggetto: Antonia Fraser

Sceneggiatura: Sofia Coppola

Fotografia: Lance Acord

Montaggio: Sarah Flack

Interpreti: Kirsten Dunst, Jason Schwartzman, Rip Torn, Judy Davis, Asia Argento, Marianne Faithfull, Danny Huston, Molly Shannon, Steve Coogan, Rose Byrne, Shirley Henderson, Jamie Dornan, Clémentine Poidatz, Jean-Christophe Bouvet, Aurore Clément, Bob Barrett, Alain Doutey, Mary Nighy, Tom Hardy, Aleksia Landeau, Guillaume Gallienne, Sarah Adler, Al Weaver, Raphaël Neal

Produzione: Columbia Pictures Corporation, American Zoetrope

Distribuzione: Sony Pictures Releasing Italia

Durata: 125'

Data di uscita: 17 novembre 2006


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta SilenzioinSala.com

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder