photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Gaza Hospital

11/10/2010 10:00

Emidio De Berardinis

Recensione Film,

Gaza Hospital

All'inizio degli anni Ottanta fu costruito il Gaza Hospital, una delle più importanti strutture sanitarie del Libano, per curare i profughi palestinesi rifugiat

10551-.jpeg

All'inizio degli anni Ottanta fu costruito il Gaza Hospital, una delle più importanti strutture sanitarie del Libano, per curare i profughi palestinesi rifugiati, i libanesi e gli immigrati più poveri. I medici, provenienti da ogni angolo del mondo lavoravano senza sosta per ridare la vita e la speranza a bambini, donne, uomini e anziani scampati ad attentati, guerriglia e povertà, fino a che, nel 1982 fu completamente messo a ferro e fuoco dalle milizie cristiane libanesi sotto il controllo dell'esercito israeliano. Da allora l'edificio che ancora porta le ferite dei colpi e del sangue versato si è trasformato nel più grande campo profughi esistente; si sviluppa in altezza in corridoi e labirinti di vite, dove diverse generazioni di emigrati hanno trovato la propria casa e convivono pacificamente creando una vera e propria comunità. Attraverso la guida di Youssef Hamza, palestinese rifugiato in Libano, che dal 1987 abita nel cortile dell'ex ospedale, Marco Pasquini svela la memoria del Gaza Hospital e lascia parlare le mura crivellate, più vive del passato.


Gaza Hospital è il crocevia di vite generate dalla miseria e dalla violenza che portano nel cuore le centinaia di occupanti; i loro figli - molti dei quali nati in quell'ospedale - ignorano la loro storia. Il regista proietta sulle pareti delle piccole abitazioni immagini di repertorio che si materializzano attraverso i racconti di Youssef, il barbiere del “nuovo” Gaza Hospital; i ricordi di Aziza Khalidi, l'ex amministratrice generale dell'ospedale; di Ellen Siegel, un infermiera ebrea americana che ha lavorato volontaria nella struttura durante il massacro israeliano in Libano e attraverso gli occhi e le parole della dottoressa Swee Chai, chirurgo ortopedico malese e cristiana.


Il lavoro di Pasquini, Lillo Iacolino e di tutta l'equipe è un lavoro di minuziosa ricerca, un imparziale ritratto umano del Gaza Hospital, protagonista di una resistenza alla violenza, fonte di speranza e di un attaccamento alla vita che va oltre la realtà politica. Le testimonianze dei profughi - presenti alla strage e che ora vivono nell'edificio - sono visibili attraverso dei filmati di repertorio raccolti nell'arco di cinque anni. Un documentario che si fa sguardo critico, con un piede nel passato e uno nel futuro, per non dimenticare e per raccontare, con la funzione di istruire chi ignora la storia del Gaza Hospital ed esorcizzare le sofferenze di chi è sopravvissuto. Con un riconoscimento d'interesse culturale dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e vincitore del Globo D'Oro 2010 come miglior documentario, Gaza Hospital è un progetto esteso di documentazione che si concretizza in una emozionante storia che accende un faro nel buio della disinformazione.



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder