photo
ascolta il podcast le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Holy Motors (2012), la recensione del film di Leos Carax: l’opera di un regista innamorato delle possibilit

09/07/2013 11:00

Aurora Tamigio

Recensione Film, Film Drammatico, Film Fantascienza, Film Francia, Leos Carax, Denis Lavant,

Holy Motors (2012), la recensione del film di Leos Carax: l’opera di un regista innamorato delle possibilità del cinema

Leos Carax costruisce in realtà un’opera di eccezionale straniamento: dello spettatore così come del suo attore pigmalione, Denis Lavant

Una giornata tipo di Oscar (Denis Lavant), il cui lavoro consiste nel cambiare continuamente identità passando da una vita all’altra – uomo d’affari, mendicante, performer, killer, mostro e padre di famiglia - accompagnato ad ogni appuntamento da una limousine bianca, guidata lungo le strade di Parigi da Céline (Edith Scob), sua assistente e confidente.

holymotorsrecensione3-1621870329.jpg

Qualche anno fa, a un giornalista audace che gli chiedeva «E adesso che genere di film le piacerebbe fare?», Leos Carax aveva dato una semplice risposta: «Tutti».

 

Il regista francese pare aver realizzato quella che sin da allora appariva come una dichiarazione programmatica: un film impossibile da classificare in una sola categoria. Qualcuno ha già provato a codificarlo come “fantascienza identitaria”, collocandolo sulla scia di quelle pellicole che interpretano e mettono in discussione l’unicità dell’esistenza umana e la sua linearità cronologica (per citare alcuni esempi – più commerciali - degli ultimi anni: Il curioso caso di Benjiamin Button di David Fincher o Mr. Nobody di Pierre Van Dormael). Ma la realtà è che Holy Motors è soprattutto l’opera di un regista innamorato delle possibilità del cinema, dei suoi diversi stili e della libertà creativa che la Settima Arte concede solo ai suoi più brillanti autori.

holymotorsrecensione1-1621870318.jpg

Il viaggio di ventiquattro ore di Oscar sulla sua limousine bianca, adattata a camerino, attraverso le strade di una Parigi asettica, sembra un racconto di meta-cinema con protagonista un attore in crisi, diviso fra i tanti appuntamenti che la sua segretaria/autista gli presenta quotidianamente.

Nell'itinerario compiuto dal protagonista fra i diversi studios che lo impegnano durante la giornata – e che ripartiscono la pellicola in episodi – Carax costruisce una serie di set cinematografici che omaggiano tutti i generi del cinema: dal noir all’horror, dal fantasy al musical, con citazioni che spaziano da Kubrick a Bertolucci e accarezzano soprattutto la familiare tradizione francese di Cocteau e René Clair.

 

Pur apparendo evidente sin dal principio come Holy Motors sia un metaforico racconto del mestiere dell'attore, non è chiaro in che posizione si trovino – in questa complessa costruzione a specchio - le videocamere, la troupe, la finzione e lo stesso regista, che appare nel prologo del film, nell'atto di risvegliarsi da un sogno. Dirigendo un film dalla tecnica invisibile, Leos Carax costruisce in realtà un’opera di eccezionale straniamento - dello spettatore così come del suo attore pigmalione, Denis Lavant - in cui le parti che tradizionalmente costituiscono lo spettacolo, il pubblico e gli interpreti, faticano a trovare collocazione definitiva.

holymotorsrecensione3-1621870329.jpg

L’opera di Carax vuole essere una celebrazione del cinema - dalla sua apertura, una serie di cronofotografie vintage di atleti, sino al culmine nella terza sequenza, quella del performer, interamente girata in motion capture – ma finisce tuttavia per minarne le basi costitutive, caratterizzandosi come un complicato intreccio di intenzioni.

 

Sulla scena l’Oscar di Lavant si trucca e si veste di un’identità sempre diversa, confessando i propri dubbi alla fedele Cèline, in un flusso di riflessioni e di immagini vorticoso e di non sempre semplice fruizione, difficile sia nella ricezione visiva sia nel messaggio finale: una meditazione sul ruolo dell’attore nel cinema contemporaneo, un più esteso discorso esistenziale che intreccia recitazione e vita, una celebrazione dell’onirismo su pellicola o solo una lunga indistinta marcia trionfale?

Di certo c’è il ritorno, dopo qualche risultato deludente, di Carax alla creazione di un’opera di rara bellezza e invenzione, autocitazionista delle proprie migliori pellicole passate come Rosso Sangue, Les amants du Pont-Neuf o Tokyo (cui l’intero episodio del personaggio di Monsieur Merde è dedicato).

Non solo la regia, ma le stesse scelte cinematografiche di Carax sono da lodare in toto: dall'eccezionale interpretazione dell’istrionico Denis Lavant ad alcune inquadrature di immaginifica meraviglia (esaltate dalla fotografia di Caroline Charpentier), Holy Motors è una perfetta sincronia di tecnica ed estetica che, prima ancora che ad una significazione netta, punta a inseguire, come da citazione del protagonista Oscar, «the beauty of act».


holymotorsrecensione6-1621870680.jpg

Genere: drammatico, fantascienza

Titolo originale: Holy Motors

Paese/Anno: Francia/Germania, 2012

Regia: Leos Carax

Sceneggiatura: Leos Carax

Fotografia: Caroline Champetier, Yves Cape

Montaggio: Nelly Quettier

Interpreti: Ahcène Nini, Annabelle Dexter-Jones, Édith Scob, Corinne Yam, David Stanley Phillips, Denis Lavant, Elise Caron, Elise Lhomeau, Eva Mendes, Geoffrey Carey, Jeanne Disson , Julien Prévost, Kylie Minogue, Laurent Lacotte, Leos Carax, Matthew Gledhill, Michel Piccoli, Nastya Golubeva Carax, Reda Oumouzoune, Zlata

Colonna sonora: Neil Hannon

Produzione: Arte France Cinéma, Pandora Film, Pierre Grise Productions, Theo Films, WDR/Arte

Distribuzione: Movies Inspired

Durata: 115'

Data di uscita: 06/06/2013


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder