facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Paris Calligrammes (2019): la recensione del documentario di Ulrike Ottinger al Trieste Film Festival 32

22/01/2021 18:59

Cristiano Salmaso

Recensione Film, Festival, Trieste Film Festival, Film Documentario, Film Francia, Film Germania, Ulrike Ottinger , #TSFF32,

Paris Calligrammes (2019): la recensione del documentario di Ulrike Ottinger al Trieste Film Festival 32

Paris Calligrammes ricostruisce gli anni parigini di Ulrike Ottinger

Nell'estate del 1962 Ulrike Ottinger parte alla volta di Parigi sulla sua Isetta, una vettura resa ancora più bizzarra dai gufi che lei stessa vi ha dipinto. L'idea è quella di “fare l'artista” e, come da buona tradizione, il primo approdo non può che essere una libreria. I gloriosi anni '20 sono ormai lontani: ma lo spirito che animava quel periodo, già rinnovato negli anni '40, a distanza di altri vent'anni è rimasto lo stesso. Dopo ogni guerra, Parigi riprendeva infatti quella sua festa mobile, che in fondo non era mai finita davvero.

La guerra d'Algeria si è appena conclusa quando Ulrike arriva in città. La prima tappa non è da Shakespeare and Company di Sylvia Beach ma da Fritz Picard: tedesco come lei, somigliante a Goethe ma anche a Liszt, quel libraio ha portato un po' di Berlino a Parigi nella sua Calligrammes, le cui lettere campeggiano anche sull'orologio dell'insegna, al posto delle cifre. Ma di veri orologi nemmeno Ulrike ne avrà bisogno, perchè «ogni ora ha il suo suono».

 

Paris Calligrammes, che proprio da quella libreria prende il titolo e le mosse, ricostruisce gli anni parigini attraverso le sue esperienze di vita e artistiche, dalla pittura al cinema.

schermata2021-01-22alle18-51-30-1611337902.png

Immagini di repertorio, a volte anche di film, si alternano a riprese effettuate oggi per raccontare, in un continuo passaggio dal bianco e nero al colore, il percorso di un'artista poliedrica e infaticabile (quasi trenta pellicole al suo attivo).

Proprio l'amore per i libri sembra essere il filo conduttore che attraversa tutto il documentario, dall'avvio nella libreria Calligrammes, passando per la libreria La Hune, fino alla Bibliothèque Nationale, nella quale Walter Benjamin (vero nume tutelare di questo lavoro) trascorreva giornate intere: «Le foglie della Biblioteca Nazionale: quando sfogli le pagine qui sotto, senti il loro fruscio là sopra»

Nella prima parte del film è Parigi che ruba la scena: gli sguardi sui tetti della città dalle sue chambres de bonne, le scorribande dai bouquinistes insieme all'amico Picard, le passeggiate per il “villaggio” di Saint Germain o al giardino coloniale del Bois de Vincennes: «Camminare e guardare era il mio passatempo preferito», dichiara la regista con pieno spirito da flâneuse. E quando finalmente Parigi le appartiene, la Ottinger si prende il suo spazio nella seconda parte del film: la pop art francese dei suoi quadri e l'incontro con il cinema, dai film etnogtrafici di Jean Rouch fino alla Cinémathèque, dove si compie la sua «educazione sentimentale nella storia del cinema».

pariscalligrammes2-1080x720-20201213-1611336931.jpg

Lo stesso Henri Langlois, fondatore della cineteca, compare mostrandoci alcuni oggetti dalla sua wunderkammer: la stella di Man Ray, il teschio da Psyco, un ingranaggio dal set di Tempi Moderni. Ma oltre che artistico, quello del film è anche un riassuno storico di quegli anni turbolenti: dai conti da fare con la guerra d'Algeria appena conclusa (ci prova subito Jean Genet), fino agli scontri violenti del '68.

Paris Calligrammes è un film «per chi non ha gli occhi nelle tasche», un ricordo fedele e insieme appassionato di una vita da bohème negli anni Sessanta. Una decade feconda e felice ormai distante, ma con una vivacità che sembra non voglia spegnersi mai: aspettiamo anche oggi, con trepidazione, che riprenda quella incredibile festa mobile.


2359282-1611336920.jpg

Paese, Anno: Francia/Germania, 2019

Genere: documentario

Regia: Ulrike Ottinger

Sceneggiatura: Ulrike Ottinger

Durata: 130'

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder