photo
le parti noiose tagliate
footer

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)
sisnero
sisbianco
sisbianco

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

The French Dispatch (2021), la recensione: il film di Wes Anderson è da sfogliare, come le pagine di una rivi

06/11/2021 14:41

Cristiano Salmaso

Recensione Film, Owen Wilson, Film Commedia, wes anderson, Disney, Elisabeth Moss, Tilda Swinton, Frances McDormand, Timothée Chalamet, Bill Murray, Film USA, Mathieu Amalric, Christoph Waltz, Willem Dafoe, Lea Seydoux, Anjelica Huston, Adrien Brody, Benicio Del Toro, Saoirse Ronan,

The French Dispatch (2021), la recensione: il film di Wes Anderson è da sfogliare, come le pagine di una rivista

The French Dispatch sembra un negozio di modernariato stipato di anticaglie fino al soffitto

L’aria di uno perdutamente innamorato della Francia Wes Anderson ce l’ha sempre avuta. Per la sua decima opera il regista texano parte con il suo consueto bagaglio estetico alla volta di Parigi, che trasforma però in una più piccola e immaginaria Ennui -sur – Blasé (un nome che è già tutto un programma).

«Iniziò come una vacanza» per Arthur Howitzer Junior, che convinse il padre a integrare la testata locale in Kansas con un supplemento settimanale: The French Dispatch, che a Ennui Arthur avrebbe fondato e diretto per quarant’anni.

the-french-dispatch-recensione-1.jpeg

Con lui un manipolo di giornalisti innamorati del loro mestiere e una curiosità verso il mondo a 360 gradi.

Tra le innumerevoli storie raccontate dalla rivista il film ne sceglie tre, che sembrano in realtà molte di più per l’inarrestabile moltiplicarsi di personaggi e situazioni: un pittore carcerato, uno chef investigatore, uno studente rivoltoso sono alcune delle figure cartoonistiche di un film che ha anche i suoi momenti di vera animazione (i più riusciti).

the-french-dispatch-recensione-0.jpeg

Un cast stellare inesauribile (e come sempre spersonalizzato) per un avvicendarsi di caricature, ciascuna delle quali si porta via la precedente dalla memoria dello spettatore con sorprendente velocità.

 

I (bei) titoli di coda, con una scelta di copertine della rivista (ancora la parte grafica come cosa migliore del film), arrivano dopo quasi due interminabili ore. Ed è come uscire da una Grande Esposizione, frastornati da immagini, parole e musiche inarrestabili, senza ricordare già più nulla di quanto appena visto.

Colpa anche del ritmo forsennato del film, una giostra che corre sia nelle immagini che nella voce narrante, ma con tempi che riescono raramente a sintonizzarsi.

 

Calligrafico e verboso oltre ogni capacità di sopportazione, soporifero più di ogni altro lavoro di Anderson, The French Dispatch sembra un negozio di modernariato stipato di anticaglie fino al soffitto: al suo interno un caos nel quale si perdono presto l’orientamento e ogni interesse, mentre il padrone di casa si aggira con la consueta sicumera.

the-french-dispatch-recensione-2.jpeg

Definito dall’autore stesso «una lettera d’amore al giornalismo», nato dalla sua passione per l’editoria (lettore fin da ragazzo del New Yorker), il film ricorda piuttosto una tipografia: ne esce una patinatissima rivista, con una accattivante veste grafica (che è sempre la stessa) e dei contenuti involuti che si ha poca voglia di approfondire.

Wes Anderson sfoglia le pagine del suo French Dispatch come un libro di fotografie, in bianco e nero e a colori: è una Ennui - sur – Blasé da Henry Cartier-Bresson e Robert Doisneau, da Georges Méliès (il celebre Voyage dans la Lune), da Jacques Tati (la casa di Mon oncle), da Jean-Pierre Jeunet (quello di Delicatessen e Amélie Poulain).

the-french-dispatch-recensione-8.jpeg

Gli estimatori ritroveranno in The French Dispatch il solito Anderson visivamente inconfondibile e tecnicamente ineccepibile. Gli altri scorgeranno anche il trovarobe bulimico e l’artigiano seriale, innamorato ormai col cuore d’altri perchè il suo già rapito da bar alla moda e treni di lusso.


french-dispatch-recensione-0.jpeg

Genere: commedia

Paese, anno: USA, 2021

Regia: Wes Anderson

Sceneggiatura: Wes Anderson

Fotografia: Robert D. Yeoman

Montaggio: Andrew Weisblum

Interpreti: Timothée Chalamet, Saoirse Ronan, Elisabeth Moss, Léa Seydoux, Bill Murray, Willem Dafoe, Christoph Waltz, Tilda Swinton, Benicio Del Toro, Frances McDormand, Rupert Friend, Owen Wilson, Adrien Brody, Alex Lawther, Anjelica Huston, Fisher Stevens, Jeffrey Wright, Jason Schwartzman, Henry Winkler, Lois Smith, Griffin Dunne, Mathieu Amalric, Denis Ménochet
Musiche: Alexandre Desplat

Produzione: American Empirical Pictures, Indian Paintbrush, Studio Babelsberg

Distribuzione: Walt Disney Pictures

Durata:108'

Data di uscita:11 novembre 2021

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

cinemadvisor

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder