photo
le parti noiose tagliate
footer

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)
sisnero
sisbianco
sisbianco

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Smile (2022), la recensione dell'horror psicologico di Parker Finn

27/09/2022 22:00

Marco Filipazzi

Recensione Film, Film Horror, Film USA, Parker Finn, Sosie Bacon,

Smile (2022), la recensione dell'horror psicologico di Parker Finn

Una storia semplice semplice, che gioca tutte le proprie carte sull’abilità del regista di creare tensione.

Smile è l’esordio alla regia di Parker Finn. Una storia semplice semplice, che gioca tutte le proprie carte sull’abilità del regista di creare tensione e, va ammesso, al suo debutto Finn ci riesce perfettamente. 

smile-parker-finn-recensione-2.jpeg

Rose Cotter (Sosie Bacon, figlia di Kevin e Kyra Sedgwick) è una psicologa. Un giorno nel suo studio entra una ragazza evidentemente traumatizzata che farnetica di una strana presenza che la perseguita e che «sembra che indossi la faccia delle persone, ma quel sorriso maligno è sempre il suo»​. ​

Detto ciò la ragazza inizia a gridare, si dimena e infine si taglia la gola davanti alla dottoressa Cotter. Comincia così l’incubo di Rose, che inizierà a vedere quel sorriso sui volti delle persone che la circondano, ad avere vuoti di memoria in cui compie azioni assurde e a cadere in preda ad allucinazioni sempre più spaventose.

smile-parker-finn-recensione-1.jpeg

In Smile funzionano tante cose, a partire dalla protagonista Sosie Bacon, attrice che non ha mai davvero rivestito il ruolo di protagonista, ma qui pare trovarsi perfettamente a proprio agio.

 

Dal momento che Smile si definisce “horror psicologico” si può dire che la scelta di casting è stata azzeccatissima in quanto Bacon riesce a dare corpo a una psicologa che scivola sempre di più nel baratro dell’ossessione e della follia e lo fa in modo davvero egregio. 

Anche la storia, seppur non si possa definire originale (pesca richiami e suggestioni spaziando da It Follows a Obbligo o verità sino aThe Ring), riesce a destare interesse. La maggior parte del merito sta in un paio di trovate di sceneggiatura davvero inaspettate  - la festa di compleanno, per esempio - ma soprattutto alla regia che riesce a mantenere sempre alta la tensione, costruendo le sequenze migliori attorno al continuo rincorrersi di realtà e allucinazione, mischiandole in un gioco di specchi.

Per essere un prodotto mainstream, possiamo ammettere che c’è anche una buona dose di violenza grafica che - per fortuna - non confina tutto in un mondo asettico dove il sangue non sgorga mai.

smile-parker-finn-recensione-4.jpegsmile-parker-finn-recensione-1.webpsmile-parker-finn-recensione-5.jpeg

E allora cosa non funziona? La lunghezza! Ma davvero, perché i canonici 90 minuti non sono più di moda? Smile sfiora le due ore di durata e, proprio a causa della sua eccessiva lunghezza, la seconda parte del film si aggroviglia su sé stessa, girando a vuoto senza arrivare a nessuna conclusione. E questo allungare inutilmente il brodo, rischia di mettere in cattiva luce tutto ciò che di buono è stato fatto nella prima parte del film.

 

Sì perchè una volta che capiamo la dinamica della storia, all’ennesimo jumpscare buttatto lì solo per far sobbalzare lo spettatore (davvero, basta!) o al terzo ribaltamento realtà/allucinazione... ormai l’effetto sorpresa è bello che andato.

smile-parker-finn-recensione-3.jpeg

In un'intervista rilasciata ai tempi de Lo Squalo, Steven Spielberg dichiarò: «Sapevo che, una volta spaventato, il pubblico non si sarebbe più fidato di me». Se questa regola era valida quasi 50 anni fa, perché non dovrebbe essere valida oggi, in un’era in cui non solo lo spettatore ha già visto di tutto, ma ne è completamente saturo?

 

Il tutto, poi, per arrivare a un finale davvero fastidioso e inconcludente che (come è logico aspettarsi) anziché chiudere un cerchio, lo lascia spalancato a un eventuale quanto inevitabile sequel. Ed ecco che un horror dal buon potenziale, diventa qualcosa al di sopra del mainstream moderno.


smile-2022-parker-finn-poster.jpeg

Genere: horror

Titolo originale: Smile

Paese, anno: USA, 2022

Regia: Parker Finn

Sceneggiatura: Parker Finn

Fotografia: Charlie Sarroff

Montaggio: Elliot Greenberg

Interpreti: Caitlin Stasey, Dora Kiss, Gillian Zinser, Jack Sochet, Jessie T. Usher, Judy Reyes, Kal Penn, Kevin Keppy, Kyle Gallner, Nick Arapoglou, Rob Morgan, Robin Weigert, Sara Kapner, Sosie Bacon

Colonna sonora: Cristobal Tapia de Veer

Produzione: Paramount Players, Temple Hill Entertainment

Distribuzione: Eagle Pictures

Durata: 115'

Data di uscita: 29/09/2022

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

cinemadvisor

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder