photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Fuga dal pianeta delle scimmie

19/09/2011 10:00

Martina Calcabrini

Recensione Film, Film Avventura, apes, pianeta scimmie,

Fuga dal pianeta delle scimmie

Quando un film diventa un cult, si sa, è impossibile resistere alla tentazione di realizzarne una saga...

14561-.jpeg

Quando un film diventa un cult, si sa, è impossibile resistere alla tentazione di realizzarne una saga. Forte dei consensi delle due pellicole tratte dal romanzo Il pianeta delle scimmie, infatti, la 20th Century Fox sfruttò l’onda del successo per produrne subito un terzo capitolo. Dopo Pierre Boulle e Ted Post, adesso Don Taylor, attore di successo lanciato negli anni ’40 da Cukor con Winged Victory, ad appena un anno di distanza dal secondo episodio, si siede in cabina di regia.


Fuga dal pianeta delle scimmie racconta la storia di Zira, Cornelius e il dottor Milo che, avendo riparato l’astronave di Taylor, riescono a fuggire dal loro pianeta prima dell’esplosione atomica. Attivando le coordinate preimpostate dalla navicella, gli scimmionauti viaggiano a ritroso nel tempo e si ritrovano sulla Terra degli anni ’80. Rinchiusi nelle gabbie di un laboratorio, gli scimpanzé vengono sottoposti a delle analisi e a delle cure psichiatriche. Stanca del trattamento e amareggiata dalla pessima reputazione che il mondo umano ha di quell'animale, Zira inizia a parlare con i dottori. Mentre Milo viene brutalmente ucciso da un gorilla, Zira e Cornelius diventano un caso nazionale e finiscono in televisione, decidendo, però, di non svelare la verità sul destino del mondo terrestre. Finché, sotto l’effetto dell’alcool, rivelano il futuro ad Otto Hasslein, il consulente scientifico della Casa Bianca che, convinto che le due scimmie e il loro futuro cucciolo saranno la causa della fine del mondo, fa ordinare la loro uccisione. Aiutati a fuggire, Zira e Cornelius cercheranno una via di fuga e un modo per salvare se stessi e il loro cucciolo.


Il terzo capitolo della “saga delle scimmie” si rivela, a grandi linee, come una copia specchiata del primo. Una coppia di protagonisti si ritrova in un mondo alieno, in una società animale, in mezzo a membri di una specie diversa. Oltraggiati, offesi, respinti, vengono rinchiusi in gabbia e trattati come cavie da laboratorio. Mentre Taylor e Nova, però, non riescono mai ad essere accettati dalla società dominante, Zira e Cornelius, apparentemente, entrano a far parte della civiltà umana che li accoglie e li tratta come suoi pari. Ma è solo apparenza: la brama di sapere degli uomini di scienza, infatti, è più forte di qualsiasi sentimento (umano) e, quindi, dà inizio alla caccia al diverso. Taylor, consapevole dell’importanza dell’empatia tra spettatore e protagonista, costruisce l’universo filmico intorno al binomio uomo-bestia: dove finisce l’uno e inizia l’altro? Continui interrogativi che gli uomini (pochi) si pongono prima di agire. Nel finale drammatico, Zira e Cornelius in un atto di estremo sacrificio, sebbene animali, si cercano prima dell’ultimo saluto, stretti in un abbraccio disperato come Romeo e Giulietta. Se questa è la realtà, chi è il vero mostro?



facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder