photo
le parti noiose tagliate

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
pngwing.com(17)

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

sisbianco
sisbianco
sisnero

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Il legame (2020): la recensione dell'ottimo horror di Domenico De Feudis su Netflix

26/10/2020 10:00

Marco Filipazzi

Recensione Film, Netflix Original, Film Horror, Film Italia,

Il legame (2020): la recensione dell'ottimo horror di Domenico De Feudis su Netflix

Netflix ce l'ha fatta: è finalmente riuscita a produrre un film italiano di genere

Netflix ce l'ha fatta: è finalmente riuscita a produrre un film italiano di genere. Il legame è comparso nel catalogo della piattaforma streaming un po' all'improvviso, senza troppa pubblicità ad anticiparlo. Un giorno abbiamo aperto il nostro account e ci siamo ritrovati a vedere un trailer in cui Riccardo Scamarcio se la deve vedere con qualche oscura entità sovrannaturale. Ammettetelo: siete rimasti spiazzati.

miamaestrogiuliapatrignanifotodimatteoleonetti-1603706083.jpg

Francesco (Scamarcio) sta portando la sua compagna Emma e la figlia Sofia nel suo paese natale, in Puglia, per presentarle alla madre in vista del loro matrimonio. Ma le cose non andranno nel verso immaginato. 

Al loro arrivo, infatti, la famiglia si scontrerà con un muro di tradizioni fortemente radicate e perlopiù criptiche agli occhi di un forestiero. Mano a mano che i giorni trascorrono, tali tradizioni si fanno sempre più sinistre ed inquietanti, al punto che Emma dovrà svelare un antico segreto.

 

Inutile girarci intorno, Il legame è proprio un film riuscito, soprattutto per quanto riguarda atmosfere e suggestione. La regia di Domenico De Feudis cerca di trapiantare lo stile di James Wan nel soleggiato sud Italia. Un’impresa non da poco, non aiutata (almeno sulla carta) dalla gavetta come regista della seconda unità di molti film di Paolo Sorrentino (compresa La grande bellezza): perché se c'è una cosa diametralmente opposta al genere horror, quella è il cinema di Sorrentino. E invece Il legame funziona alla grande su tutti i fronti tecnici ed è supportato da attori capaci (nessuno da mai l'impressione di trovarsi lì per caso) e dialoghi credibili (non è una cosa scontata come più sembrare). Anche se verso il finale il film viene frenato da qualche jumpscare di troppo: eliminarne qualcuno forse avrebbe giovato alla tensione, che comunque riesce a reggere bene i canonici 90 minuti. Dove invece De Feudis è riuscito a far tesoro della lezione di James Wan è nel donare alla grande casa di campagna una dimensione propria, al punto da trasformarla in un vero personaggio. Proprio come accadeva nei due The Conjuring: è qualcosa di vivo, una presenza incombente che abbraccia i protagonisti sino a stritolarli, che manifesta il proprio disappunto attraverso una macchia d'umidità sul muro. 

netflix-italian-paranormal-horror-the-binding-coming-to-netlix-in-october-2020-1603706026.jpg

Anche l'atmosfera del film è quella giusta. Il progredire lento della prima metà serve a calare lo spettatore nel mood. Il continuo susseguirsi di fatti misteriosi e oscuri, il lasciar intravedere nei personaggi una storia trascorsa, antica, fatta di credenze popolari e superstizioni, è senza dubbio la parte più intrigante, che rievoca molto del nostro vecchio cinema.

 

I riti sussurrati di Suspiria la placida provincia custode di orribili segreti come ci ha insegnato Pupi Avati, ma anche gli sterminati campi soleggiati eppure così inquietanti della Puglia che ricordano da vicino le distese torride della Lucania di Non si sevizia un paperino. Anche nel film di Lucio Fulci c'era una maciana (una strega delle leggende popolari meridionali) e anche lì la storia si macchiava di superstizione e folklore. De Feudis (autore anche della sceneggiatura insieme a Daniele Cosci e Davide Orsini) riesce là dove Curon aveva fallito miseramente: costruire una storia che, parafrasando Alessandro Borghese, «riesca a valorizzare e far riscoprire il territorio e le antiche tradizioni». Tenendo come fulcro il malocchio (o "fascinazione" come viene chiamata nel film), antiche leggende popolari e dicerie di paese vengono sapientemente rielaborate e trasposte ai giorni nostri per dimostrare come quelle vecchie superstizioni siano ancora attuali e, soprattutto, in grado di farci ancora paura. Senza dubbio questa è l'aspetto più affascinante della pellicola. Insomma, Il legame ha mostrato la via da percorrere per fare horror italiani riusciti... speriamo solo che Netflix continui a percorrerla.


schermata2020-10-26alle10-1603705993.png

Genere: horror, thriller

Titolo originale: Il legame

Paese/Anno: Italia, 2020

Regia: Domenico de Feudis

Sceneggiatura: Domenico de Feudis,  Davide Orsini, Daniele Cosci, Gianluca Bernardini

Fotografia: Luca Santagostino

Montaggio: Giancarlo Fontana

Interpreti: Mia Maestro, Riccardo Scamarcio, Mariella Lo Sardo, Giulia Patrignani, Federica Rosellini, Raffaella d’Avella

Colonna sonora: Massimiliano Mechelli

Produzione: HT Film, Indigo Film e Lebowski

Distribuzione: Netflix

Durata: 93'


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

joker
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder